La lacrima d’India (seconda parte)

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Asia Sri Lanka Anuradhapura Monaci al Loha Prasada o Palazzo di Bronzo Buddhist Monks at Loha Prasada or Bronze Palace, Anuradhapura , Sri Lanka, Asia

Asia Sri Lanka Anuradhapura Monaci al Loha Prasada o Palazzo di Bronzo

Il secondo pezzo del racconto di viaggio in Sri Lanka di Vittoria Pasini.

Poco importa se il riso è l’alimento principale di colazione, pranzo e cena; se il caldo e l’umidità spezzano le gambe; se le preghiere buddhiste ti costringono ad alzarti dal letto alle cinque del mattino. Perché i tramonti, il silenzio della sera e la religiosità della gente vincono su ogni cosa.

Una religiosità che si infiltra nella pelle soprattutto a Kandy, la città più devota al Buddhismo di tutto lo Sri Lanka. E’ caotica, calda e rumorosa ma una passeggiata fra gli alberi di mogano e di mango attorno al lago, nel cuore della città, restituiscono immediatamente un senso di pace. Sullo sponda settentrionale del Kandy Lake sorge lo Sri Dalada Maligawa, il Tempio del Sacro Dente di Buddha: la leggenda narra che il dente fu strappato alle fiamme della pira funeraria di Buddha, in India, e introdotto in Sri Lanka nascosto tra i capelli di una principessa.

Asia Sri Lanka Kandy Il tempio del Dente di Buddha o Dalada Maligawa  Dalada Maligawa Temple, where the sacred tooth relic of the Buddha is enshrined, Kandy, Sri Lanka, Asia

Asia Sri Lanka Kandy Il tempio del Dente di Buddha o Dalada Maligawa

La reliquia non è visibile, ma nascosta in uno scrigno d’oro all’interno di un altrettanto sfarzoso sacrario in mogano e avorio. E qui arrivano schiere di devoti da tutto il mondo, lasciano offerte, pregano e piangono, in silenzio, assorti fra la penombra e il dolce profumo dei fiori di loto.
Tutt’altro clima e contesto appartengono alla città di Nuwara Eliya, a quasi 1900 metri di altezza sul livello del mare, a Sud di Kandy. Nota coma la “Piccola Inghilterra”, fu fondata da Samuel Baker nel 1846 e di conseguenza diventò il luogo di villeggiatura di ricche famiglie inglesi. Vi costruirono hotel, campi da golf, piste per le corse equestri, il tutto in stile rigorosamente anglosassone. Credo che il fascino autoctono della zona lo si trovi però fuori dalla città, dove distese di rigogliose piantagioni di the si inseriscono perfettamente fra le verdeggianti montagne. Così, per qualche istante ti ritrovi a giocare a calcio con alcuni bambini tamil, a fermarti di fronte ad un’instancabile cascata, a respirare a pieni polmoni l’aria fresca e, proprio qui, ti rendi conto di essere viva.

Asia, Sri Lanka, Bogawantalawa Valley, Ceylon Tea Trails, Piantagioni di té e il Castlereagh Reservoir Tea plantations on the Castlereagh Reservoir banks, Ceylon Tea Trails, Bogawantalawa Valley, Sri Lanka, Asia

Asia, Sri Lanka, Bogawantalawa Valley, Ceylon Tea Trails, Piantagioni di té e il Castlereagh Reservoir

Continuando per la strada dal panorama mozzafiato, si procede con calma verso sud, verso il mare, per andare nella zona di Galle. Durante il tragitto l’unica cosa a cui pensavo era il momento in cui mi sarei sdraiata sotto il sole; dimenticavo che quella è la zona colpita dallo tsunami del 2004. All’improvviso un senso di partecipazione e compassione si infrangono su di te, proprio come un’onda, ma inutile dire che non si può assolutamente capire gli attimi di terrore che ha provato la popolazione.

Restaurata dopo lo tsunami, la fortezza di Galle è uno dei patrimoni Unesco dell’Isola, nonché il miglior esempio di città fortificata costruita dagli europei in Asia nel corso dei secoli. E migliaia di turisti arrivano per godere del meraviglioso mare cristallino di Unawatuna, bevendo latte di cocco sulla spiaggia direttamente dal frutto del King Coconut.
Tornando verso casa, a Ragama, ho pensato a tutto ciò che mi ha arricchito durante questa esperienza in Sri Lanka e, proprio ora che mi stavo abituando al lento ritmo cingalese, è già tempo di rifare le valigie e partire per un’altra avventura.

Leggi la prima parte

Testo di Vittoria Pasini foto di Lucio Rossi |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Diari dei lettori

Sri Lanka, la lacrima d’India

Sri Lanka, la lacrima d’India

Asia Sri Lanka Polonnaruwa I resti del Vadatage La prima parte del racconto di viaggio delle nostra lettrice nel meraviglioso Sri Lanka. La guida turistica che avevo a Sigiriya mi ha [...]

RICEVI GRATIS LA RIVISTA
Compila questo modulo per ricevere tutti i mesi gratuitamente la nostra rivista Latitudes direttamente nella tua email.
Latitudes App
Sfoglia la nostra rivista ovunque tu sia
Latitudes App
Sfoglia la nostra rivista ovunque tu sia