Cosa vogliono gli italiani in viaggio? Vince la tradizione

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article

La tradizione e la genuinità: qualità di cui gli italiani vanno da sempre fieri. Come gli abitanti del Belpaese rimangono solitamente fedeli alle proprie radici, così ricercano anche quelle altrui: i viaggiatori italici tendono a snobbare le nuove mode culinarie (come la cucina fusion) o piatti troppo sofisticati, e a prediligere invece la semplicità della tradizione gastronomica locale (nell’84% dei casi). Questo quanto rilevato dalla ricerca di mercato dell’azienda Doxa, su commissione del noto brand della birra Ichnusa.

L’interesse è quindi volto a sapori capaci di sorprendere e, soprattutto, mantenuti per secoli incontaminati e secondo la tradizione (83%). Esigua è invece l’attrattiva per la novità della cucina e per la notorietà dei ristoranti: abbinamenti insoliti (22%) e tecniche di cottura alternative (18%) paiono poco intriganti, mentre scegliere ristoranti che “valgano il viaggio” per la loro genuinità appare preferibile (79%) all’affidarsi a guide od alla notorietà dello chef (28%). Persino i fast-food vengono in buona parte designati come comoda alternativa in viaggio (41%). Questa ricerca della tradizione non pare però accordarsi con le nuove generazioni: gli under 25 sono si dichiarano attratti dalle ultime tendenze (38%) e dall’innovazione (30%).

A sorpresa, la bevanda preferita dagli italiani in viaggio e considerata meno di routine è la birra che, col 49% delle preferenze, scalza il vino (34%) ed altre bevande alcoliche ed analcoliche (17%). I viaggiatori nostrani che, ad esempio, decidono di passare le vacanze in Sardegna, sono concordi nello scegliere la bevanda del luogo.

Anche per quanto riguarda la meta, la scelta è in linea con le preferenze gastronomiche: la curiosità verso  la tradizione e la cultura locale è l’aspetto più quotato nella la scelta della destinazione (94%), seguita dalla possibilità di immergersi nella natura incontaminata (84%) e, naturalmente, la presenza di una cultura gastronomica forte (73%). La preferenza inoltre è spesso orientata verso un lento ed intenso assaporamento del luogo (58%), mentre meno quotata è la ricerca di esperienze fuori dall’ordinario e un viaggio dettato dall’improvvisazione (18%), quanto la possibilità di visitare molti luoghi in poco tempo (16%). Ancora una volta poca importanza sembra avere la sofisticatezza: la ricerca del lusso e di location esclusive interessa solo il 4% degli intervistati.

Testo di Costanza Bersani  |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Lifestyle

Viaggiare da soli è trendy. Il mondo in solitaria

Viaggiare da soli è trendy. Il mondo in solitaria

Cresce sempre di più la tendenza ad intraprendere dei viaggi in solitaria. Per questo motivo, come riportato dal New York Times, le compagnie di viaggi stanno sviluppando nuove offerte e [...]

RICEVI GRATIS LA RIVISTA
Compila questo modulo per ricevere tutti i mesi gratuitamente la nostra rivista Latitudes direttamente nella tua email.
Latitudes App
Sfoglia la nostra rivista ovunque tu sia
Latitudes App
Sfoglia la nostra rivista ovunque tu sia