BARBIE E’ UNICO

Barbie: ribaltamento del paradigma. Dal 19 al 22 novembre ’09 a Firenze nell’opera “Unico”

Barbie con il burka
Barbie con il burka

Barbie è una delle bambole più vendute al mondo, il primo esemplare in commercio risale al 9 marzo 1959, ha sembianze e forme femminili che si direbbero “perfette”, ha subito tre restyling facciali nel 1967, 1977 e nel 1998 e da giocattolo per bambine è diventato oggetto da collezione e di culto per adulti. Nel 2009 la fashion doll per eccellenza compie cinquanta anni e dalla sua nascita ha rivestito i più ruoli più svariati: cantante, ballerina, ambasciatrice ONU; ha rappresentato diverse culture etniche e cambiato look seguendo la moda del momento da manager negli anni Ottanta a casual  in jeans negli anni Novanta, e nel 2000 è stata progettata con l’ombelico per il piercing.
Al ribaltamento di canone femminile che la bambola ricopre nella cultura moderna si ispira l’Opera Unico dell’artista e designer Eliana Lorena in esposizione dal 19 al 22 novembre presso la Galleria “Il Serraglio” di Firenze. Il percorso artistico di Eliana Lorena focalizza l’ attenzione sul ruolo della donna oggi, sul suo corpo e l’identità, sull’ansia di omologazione. “Prendo la Barbie” dice Eliana Lorena, “perché è un’icona forte e perché scegliere lei, che è omologazione per antonomasia, è darle un’identità altra”. Secondo una logica che l’artista definisce “de – omologazione” si appropria di questa icona potente e ne ribalta il paradigma di base della “donna – bambola”, rafforzando il concetto di identità. Inoltre afferma Eliana Lorena:“la scelgo perché è di plastica come alcune donne oggi. Il silicone è diventato il simbolo con cui essere altro da quello che la tua vita ti ha fatto diventare. Non si capisce, in questa ansia di omologazione che il Bello non è seriale, non è ciò che il consumo ci ha portato a immaginare. Bello è la propria individualità”.Visitando la mostra troverete pezzi unici, cinquecento Barbie nere vestite secondo le diverse culture ed etnie femminili con abiti progettati e prodotti ad hoc dall’artista.
Nella serata di venerdì 20 novembre nella Sala dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze anche Mattel Italy, partner della mostra festeggerà i cinquant’anni della bambola più amata dalle bambine con un’asta benefica di Sotheby’s per Save the Children.
Quinta espositiva una fotografia di Emilio Tremolada in grande formato del primo modulo 1/10, tratto dal progetto Unico di Eliana Lorena, all’asta insieme ad altri oggetti pensati da Fiat, Kartell, Cesare Paciotti e Assouline appositamente per Barbie.
Il concetto di De-omologazione, tema trasversale a diverse letture, dalla semiotica all’antropologia e alla storia del costume, è il filo conduttore di lavori precedenti all’opera Unico che veranno esposti all’interno della mostra. Alessandro Zinna afferma: “Al corpo omologato nella forma, e che può essere ugualmente un corpo di colore, si sovrappone la singolarità dei capi. La sola de-omologazione permessa, quasi come un effetto di personalizzazione, sembra allora ridursi alla variazione del capo unico che copre il corpo seriale. Come per la musica ripetitiva, il senso di questa piccola variazione si coglie solo nella successione iperbolica della serie“.
Info: www.elianalorena.wordpress.com
Dove dormire:
Per l’occasione potrete soggiornare all’ hotel Granducato, di BH, una splendida villa del 1500, a pochi minuti dalla città ed immerso nella campagna toscana. www.boscolohotels.com

Testo di Sara Nuzzo

Unico

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.