Carnevale nell’ Antico Regno della Navarra

È arrivato il momento di rovistare nei vecchi bauli, di celarsi dietro un’identità diversa, di unirsi alla folla e di divertirsi!!!

3080FOTOTH1
Anche la Navarra, regione spagnola, offre ovunque un vasto assortimento di feste carnevalesche, con personaggi e tradizioni che evocano lontani e affascinanti rituali dell’ambiente rurale.
A Nord-est di Pamplona nella città di Unanu i Mamuxarros agitano le loro verghe di nocciolo, vestiti di bianco, e indossano maschere di bronzo per celare la propria identità. Non molto lontano, nella cittadina di Alsasua, i Momotxorros sfilano per con abiti macchiati di sangue e grandi corna e danzano accanto a streghe e fantasmi capeggiati da Lucifero.
I  Zanpantzarrak agitano i loro campanacci per scacciare gli spiriti maligni mentre, come ogni anno, camminano lungo il tratto di strada da Zubieta a Ituren. In questa edizione la festa ha il privilegio di essere stata dichiarata Bene di Interesse Culturale, una denominazione che condivide con il Carnevale di Lantz. Lì il pupazzo che rappresenta il bandito Miel Otxin è catturato e bruciato nel corso di uno spettacolo burlesco.
I cipoteros di Tudela distribuiscono caramelle, mentre a Cintruénigo gli Zarramuskeros cercano di sporcare il viso di tutti coloro che non indossano una maschera.
Rinascita e scaramanzia, magia e folclore si uniscono nel carnevale di Navarra, regalando momenti unici!

Per altre informazioni:

http://www.turismo.navarra.es/

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.