Il carnevale delle arance

Anche il Piemonte si prepara alla festa più pazza dell’anno.

AAA_9064Ad Ivrea come ogni anno si attende la Battaglia delle arance, lo scontro che avviene nelle maggiori piazze della città.

Un evento in cui storia e leggenda si intrecciano, i protagonisti assoluti sono la Vezzosa Mugnaia, eroina della festa, simbolo risorgimentale di libertà, il Generale con il suo Stato Maggiore Napoleonico, il Sostituto Gran Cancelliere, il Podestà garante della libertà cittadina, il Corteo con le bandiere dei rioni rappresentati dagli Abbà ed i Pifferi e Tamburi. A riempire di colori e profumi la città, vi è poi la famosa e spettacolare Battaglia delle Arance, momento di grande coinvolgimento e forte emozione, rievocazione della ribellione popolare alla tirannia. In segno di partecipazione alla festa tutti i cittadini ed i visitatori, a partire dal giovedì grasso, scendono in strada indossando il Berretto Frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione ideale alla rivolta e quindi l’aspirazione alla libertà, come fu per i protagonisti della Rivoluzione Francese.Dal 7 al 16 febbraio gli avvenimenti si susseguono: domenica 14 febbraio alle ore 14 avrà inizio la prima delle tre giornate di Battaglia durante la quale le squadre a piedi si sfideranno contro i carri da getto.

Come arrivare: in treno www.trenitalia.com. In Autostrada da Torino: Autostrada A5 Torino-Aosta uscita casello di Ivrea. Da Milano: Autostrada A4 Milano-Torino Raccordo A4-A5 Santhià-Ivrea A5 direzione Aosta uscita casello di Ivrea. Da Aosta: Autostrada A5 Aosta-Torino uscita casello di Ivrea. Da Genova: Autostrada A26 Genova-Gravellona A26dir Alessandria-Santhià Raccordo A4-A5 Santhià-Ivrea A5 direzione Aosta uscita casello di Ivrea.

Ad Ivrea potrete fermarci presso l’Hotel Castello di San Giuseppe,in posizione tranquilla era all’origine un convento. Relais Castello San Giuseppe, Dimora Storica, sec XVII-XVIII – 10010 Chiaverano di Ivrea – Torino www.castellosangiuseppe.it

Per info: www.carnevalediivrea.it

Foto di Sergio Ricca

A Oleggio c’è il Pirin

Immagine 137

Un altro carnevale, più tradizionale con cortei e maschere, è quello di Oleggio giunto alla 59° edizione. Ha aperto i festeggiamenti domenica 31 gennaio, proseguiranno nelle due domeniche successive, 7 e 14 febbraio.

Il tradizionale discorso del Pirin, la maschera di Oleggio, oleggese DOC, ribelle ed amante della buona cucina, ha aperto i festeggiamenti domenica 31 gennaio, con un lungo e sarcastico “sermone” indirizzato agli amministratori sui problemi della cittadina. Altre maschere che potrete incontrare per le strade di Oleggio sono Gianduia, Carlin e Marietta e Re Biscottino della città di Novara. Risate scherzi e voglia di divertirsi sono gli ingredienti base, voi aggiungete quello segreto: la vostra maschera! Alle sfilate partecipano i gruppi folkloristici della città, tra i carri allegorici sono accompagnati da musiche per coinvolgere i passanti.

Il  Ramada Ticinum hotel, è ben posizionato ad Oleggio, caratterizzato da architettura moderna e grandi spazi. si trova in via per Gallarate, 116/A
28047 Oleggio (NO) , wwww.ramadaticinumhotel.it

Come arrivare: dall’autostrada A4:Uscita casello di Novara Est, imboccare la SS 32 in direzione Arona. Dall’autostrada A26: Uscita casello Castelletto Ticino, imboccare la SS 32 in direzione Novara. Oppure www.trenitalia.com

Per info: www.carnevaledioleggio.it

Foto di Teresa Scacchi

Testo Sara Nuzzo

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.