Se i Sassi non sono semplici pietre

Il museo Pomarici (MUSMA)
Il museo Pomarici (MUSMA)

e origano che, sfiorati dai passi, diffondono uno straordinario profumo. La scarsa popolazione e l’isolamento della zona creano un perfetto habitat per i rapaci che possono facilmente essere avvistati: il falco grillaio, divenuto simbolo del Parco, il nibbio reale, la poiana, il gheppio e, al tramonto, la civetta e il barbagianni. A pochi minuti dalla città, nelle storiche strutture rurali di Masseria Radogna e Jazzo Gattini, sorge il CEA, Centro di Educazione Ambientale di Matera, che svolge attività di sensibilizzazione sulle tematiche ambientali e servizi per la fruizione turistica sostenibile del territorio. Una passeggiata sul ciglio del canyon di fronte allo spettacolo dei Sassi, vagando tra grotte e chiese rupestri, è un’esperienza indimenticabile. Altre rocce, di tutt’altro aspetto ma non meno affascinanti, svettano a poco più di un’ora da Matera protette dal Parco Regionale di Gallipoli, Cognato, Piccole Dolomiti Lucane. Nei suoi oltre 27.000 ettari, compresi entro i confini dei comuni di Accettura, Calciano e Oliveto Lucano in provincia di Matera, e Castelmezzano e Pietrapertosa in provincia di Potenza, si alzano le Piccole Dolomiti

Matera
Matera

Lucane, suggestive formazioni rocciose di arenaria, che devono il loro nome ai profili aguzzi che richiamano le sorelle maggiori alpine, circondate da imponenti esemplari di cerro, di leccio e da una folta macchia mediterranea. Pietrapertosa e Castelmezzano, situati sui versanti opposti della scoscesa vallata del torrente Caperrino, sono due autentici gioielli annidati ai piedi delle rocce e tutt’uno con esse, uniti da robusti cavi d’acciaio sospesi ai quali migliaia di temerari ogni anno provano l’adrenalinico Volo dell’Angelo. Un volo di un minuto appesi a carrucole che permette di spostarsi da un paese all’altro a ben 120 km/h. Rischioso? Non più di tanto, dato che il volo inaugurale e’ stato effettuato dal vescovo, che qualche raccomandazione a chi di dovere l’avrà’ pur fatta. Castelmezzano, antica roccaforte Longobarda, custodisce la stupenda statua lignea della Madonna col Bambino, detta “Madonna dell’Olmo” del XIV sec. all’interno della Chiesa Madre ed e’ la migliore località al mondo tra “quelle di cui non si e’ mai sentito parlare” secondo il sito di viaggi americano Budget Travel, oltre a essere inserito nella meno esotica ma non meno autorevole “Guida dei Borghi più belli d’Italia” insieme a Pietrapertosa. E’ proprio questo l’aspetto che colpisce: posti

La transumanza delle vacche podoliche
La transumanza delle vacche podoliche

straordinari eppure quasi sconosciuti, male collegati e difficili da raggiungere, con amministratori locali pieni di entusiasmo ma costretti a fare i conti con bilanci esigui che tarpano molti sogni, giovani che vorrebbero lavorare sulla conservazione e lo sviluppo delle eccellenze del territorio, ma spesso costretti a trasferirsi altrove alla ricerca di un impiego. Diverse iniziative sono sorte per contrastare questo fenomeno, sia indirizzate alla conservazione dei beni archeologici e architettonici, come il progetto della Fondazione Zétema per il restauro e il mantenimento della Cripta del Peccato Originale la cui gestione è ora affidata ad Artezeta, una cooperativa di giovani, o il recentissimo accordo Asi – Basilicata per realizzare a Matera la “Cittadella dello spazio”, un polo scientifico d’eccellenza che coniugherà ricerca, alta formazione e opportunità imprenditoriali in un progetto da 24 milioni di euro. Ultima in ordine di tempo il progetto I Turismi, un’iniziativa interregionale volta a favorire lo sviluppo di nuove idee per il turismo del sud, che per la prima volta vuole riunire sei territori in un’unica destinazione, nella quale il turista possa fruire di più prodotti di qualità. L’iniziativa, promossa da Fondirigenti con la collaborazione di Confindustria, Federmanager e delle P.A vede la partecipazione sul territorio di gruppi di manager, imprenditori, dirigenti e funzionari coordinati da Eurogest Consulting.

Testo e foto Federico Klausner

clikka INFO

Sfoglia la rivista LATITUDES

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.