Il Giro in Olanda

Dunque un calendario densissimo, ancor più ricco se si pensa a quanto verrà allestito a Utrecht, punto di arrivo della seconda tappa e località che si prepara ad accogliere il Giro sfoggiando tutto lo charme del suo centro storico e promuovendo  le tante bellezze di una delle province più verdi e caratteristiche d’Olanda. L’occasione è ghiotta per conoscere questa città di oltre 270.000 abitanti, fuori dalle rotte più turistiche, allegra ed elegante, traversata da due stretti canali dove affacciano quasi a pelo d’acqua piacevoli bar, ristorantini romantici, botteghe artigiane. Utrecht ha origini molto antiche. Nella zona si trovava infatti, coincidente con l’allora corso del Reno, l’estremo confine occidentale dell’Impero Romano, stabilito dopo il fallito tentativo di conquistare le popolazioni germaniche dei Batavi. Attorno alle fortificazioni  si sviluppò nei secoli la città, che conserva oggi nella zona centrale un’impronta tardo medioevale e settecentesca. Il Duomo, parzialmente distrutto da un uragano nel 1674, vanta la torre campanaria più alta d’Olanda, e antichissime sono le origini dell’università,  fondata nel 1636. Anche qui molte iniziative legate al Giro saranno dedicate allo sport, con il programma per le scuole elementari “Utrecht vive il Giro d’Italia”, mentre il 9 maggio nella zona del centro Jaarbeurs bambini e ragazzi vivranno un’esperienza singolare: Sportexperience, competizione con sport su ruote, fra cui il ciclismo, il pattinaggio e le bici BMX. Il giorno 8 si tiene invece il Tour di Utrecht, che prevede 3 distanze: 40, 70 e 130 km., quest’ultima in buona parte sullo stesso percorso del Giro. L’omaggio allo Stivale vedrà fra l’altro una sfilata di gondole sul vecchio canale, e durante le giornate del 8 ed  9 maggio si terrà un mercatino italiano dietro al municipio in pieno centro. Una mostra sullo sport e del design italiano degli ultimi 10 anni sarà allestita all’interno della St. Jans Kerk, chiesa del XI secolo, e la sagoma inconfondibile della torre del duomo verrà pavesata a festa, naturalmente…in rosa. Sembra davvero che quest’anno ci siano tutti gli ingredienti per un viaggio speciale in Olanda, a cominciare dalla “primavera del Giro d’Italia”. Capita nel periodo più bello: con la piena fioritura dei tulipani, l’effervescente festa della Regina (30 aprile) e, soprattutto, un occhio di riguardo per l’Italia e gli italiani. Senza dimenticare le diverse offerte speciali  per hotel, trasporti, eventi, visite culturali appositamente congeniate per l’occasione. Tanto calore e tanto entusiasmo – possiamo azzardare – non sarebbero nemmeno dispiaciuti al vecchio Ginettaccio, e in questa splendida cornice forse, per una volta, si sarebbe risparmiato il celebre commento: “L’è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare!”.

Testo e foto:  Gianfranco Podestà

Per informazioni: www.giroditalia2010.nl; www.giromania.nl; www.giroutrecht.nl; www.giromiddelburg.nl

Info turistiche: www.holland.com/it; www.amsterdamtour.it; www.guidaolanda.it

Per turismo in bici ma soprattutto in bici-barca: www.cycletours.com

Ente Nazionale Olandese del Turismo: Via Cappuccini 14 – 20122 Milano T. +39 0276022115 – Fax +39 0276020296 – Email: infoolanda@holland.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.