Notti da museo

Il 15 maggio, Notte europea dei musei, non perdete l’occasione di ammirare Michelangelo a mezzanotte.

In numerose gallerie d’arte delle principali città, il 15 maggio si potranno ammirare dipinti e sculture fuori orario, in una dimensione insolita e magica, con spettacoli, concerti, laboratori.

La Notte Europea dei Musei nacque nel 2005 da una idea del Ministero della Cultura e della Comunicazione francese. Da allora fino ad oggi sono stati migliaia i musei europei che hanno aderito all’iniziativa patrocinata, in Italia, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Moltissimi gli eventi  che coinvolgono alcune tra le più belle città italiane dove si potrà, fino alle due della notte tra il 15 e il 16 maggio, accedere gratuitamente a spazi espositive, gallerie, musei statali, spazi culturali.

A Firenze si potrà passeggiare tra le sculture di Michelangelo sulle note dei maestri del Conservatorio. Un animatore nei panni di Galileo, spiegherà il funzionamento del telescopio al museo di Storia della Scienza. Porte aperte al museo del Cinema di Torino dove si potrà approfittarne per salire sull’ascensore panoramico.  Ad Agrigento  visite guidate alla Valle del templi, e A Genova Nervi al Museo delle Raccolte Frugone  spettacolo Mediterraneo e atlantico. Andate e ritorni.

Quest’anno, per la prima volta, anche la città di Roma aderirà alla Notte dei Musei. Nel complesso rimarranno aperti a Roma 58 musei con la possibilità di visitare 19 mostre temporanee e partecipare a 30 eventi, 3 lectio magistralis e visite guidate gratuite. Fra le altre iniziative si segnalano gli eventi musicali che si svolgeranno alla Sapienza, al Pantheon, al Chiostro del Bramante e a Palazzo Barberini, inoltre saranno straordinariamente aperti il Roseto comunale, i Giardini di via di Valle delle Camene e il Giardino segreto di villa Borghese.

Informazioni: www.nuitdesmusees.culture.fr, e presso i musei che aderiscono.

Teresa Scacchi

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.