Dalle piste dell’Asia alle strade di casa

Matteo è in Vietnam e sta tornando verso casa. Non sa ancora seguendo quale itinerario e in quanto tempo farà ritorno.
Matteo è un viaggiatore per scelta, almeno temporanea, che riassume in sè l’intelligenza, la cultura, la sensibilità di chi
vuole conoscere il più possibile del mondo che lo circonda.Che vuole sperimentare e vivere di persona, dimenticando l’esistenza di “Lonely Planet”.

Come poteva Matteo non scrivere per Latitudes?
Siamo orgogliosi di essere stati scelti e gli abbiamo riservato uno spazio nel nostro portale dove ogni 15 giorni, compatibilmente con i tempi della sua avventura, Matteo ci aggiornerà sul suo pellegrinaggio geografico e spirituale.

Il primo capitolo è” Easy Rider” una storia che viene dal Vietnam, precisamente tra Da Lat e Hoi An

Grazie Matteo!

 

Chi è Matteo? Così si racconta:

Dopo un’ottima laurea in Cultura Generale ottenuta in un qualche Politecnico si trasferisce all’estero al servizio di una  multinazionale torinese  dell’automobile che preferisce non nominare, capisce che con ‘sta storia della carriera ci stanno fregando tutti e decide che non ci sono più buone scuse per non viaggiare come si deve. Armato della sua pesante macchina fotografica, di un sorriso disarmante e di tanta ma tanta pazienza sta tornando verso casa, lentamente. Potete leggere delle sue peregrinazioni sul suo blog http://andlosethenameofaction.splinder.com.

Quando gli ho chiesto una sua foto mi ha inviato questa, che lo descrive bene: WORKING CLASS HERO…..che importanza ha il suo viso? Può essere ciascuno di noi.  Impersona i nostri sogni.

 Federico Klausner

 

I Reportages di Matteo:

1-Easy Rider

2 – Dimentica Halong Bay

3 – Sapa la vera gemma del Vietnam

4 – Cina un continente sconosciuto

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.