L’utopia di bambù

Il labirinto è uno dei temi presenti nella letteratura da sempre, basti pensare infatti a quello intricato eretto da Dedalo per il Re Minosse in cui si narra fu rinchiuso il Minotauro. Il labirinto è presente nell’animo umano come un’istanza radicata che non trova soluzione, prendendo l’aspetto della lotta per restare in equilibrio tra la voglia di perdersi per dimenticare tutto, e la paura di non ritrovare l’uscita. Franco Maria Ricci sembra dare forma a questo conflitto interiore e paradossale costruendo un dedalo verde a Fontanellato la cui apertura è prevista per novembre 2013. Le dimensioni sono davvero notevoli: 300 metri per lato e tre chilometri di sentieri che si snodano all’ombra di cupole vegetali di bambù alte cinque metri. Le piante provengono dalla Liguria, dalla regione francese di Anduze e dalla Cina e in poco tempo hanno avuto modo di adattarsi e moltiplicarsi. Il labirinto fungerà da nucleo all’interno del parco culturale composto da un museo, un ristorante, una libreria e uno spazio per mostre temporanee. All’interno delle suites figurano opere d’arte uniche create da artisti dal calibro di Gian Lorenzo Bernini, Antonio Canova, Francesco Hayez e Ludovico Carracci solo per citarne alcuni. L’idea che ha ispirato il parco miscela sapientemente il carattere serioso dell’iniziativa culturale alla chiassosità del parco giochi pieno di panchine, gelatai, musicisti e la chicca della sfida del labirinto. La struttura naturale di Fontanellato è “figlia” di due mosaici romani che hanno scatenato l’inventiva di Franco Maria Ricci, visti al Kunsthistorisches Museum di Vienna e al Museo del Bardo di Tunisi, nonché delle conversazioni intrattenute con Italo Calvino, Roland Barthes e Jorge Luis Borges. L’utopia definitiva attraversa la fase di progettazione a partire dal 2004 e la messa in opera comincia nel 2007: sembra quasi che l’ex editore non voglia restare confinato in quel ruolo, ma voglia lasciare una sorta di testamento grandioso interpretando uno dei nostri conflitti interiori più devastanti e affascinanti al tempo stesso.

Testo di Mauro Pinto

Link Utili

Fontanellato Turismo

Comune di Fontanellato

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.