Norimberga in festa per i 175 anni delle ferrovie tedesche

Città oggi di oltre cinquecentomila abitanti, Norimberga, per la sua posizione strategica, è sempre stata uno dei centri più vitali della Germania, per l’arte, l’industria manifatturiera, ma anche per il trasporto ferroviario che quest’anno celebra 175 anni di storia.

A quali immagini si associa immediatamente il nome di Norimberga? Ad alcuni verrà subito in mente il famoso Cristkindlesmarkt, il tradizionale mercato natalizio, tra i più famosi di tutta la Germania. Ad altri i deliziosi Lebkuchen, i dolci speziati, o il Bratwürstel, il wurstel tipico di Norimberga. Altri ancora la assoceranno alle tristi pagine dell’epoca nazista e al processo che vi si svolse. Mentre gli studiosi d’arte la evocheranno senz’altro come la città dove, nel 1471, nacque il geniale Albrecht Dürer, qui sepolto nel cimitero cinquecentesco miracolosamente sopravvissuto, è il caso di dirlo, ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Pochi invece sanno che proprio Norimberga vide l’avvio, nel 1835, della prima linea ferroviaria tedesca. Proprio da qui il 7 dicembre 1835, partì il convoglio guidato dalla locomotiva Adler (Aquila), diretto al borgo di Fürth. Proviamo a immaginare oggi quale fu l’ebbrezza dei duecento passeggeri che sperimentarono il viaggio di sette chilometri e mezzo, alla velocità di 35 km orari. L’atmosfera di stupore, sconcerto e meraviglia di quel momento è rappresentata in un quadro ospitato dal Museo dei Trasporti di Norimberga (DB Museum Nürnberg), da cui dovrebbe iniziare una visita, per meglio comprendere il ruolo delle ferrovie nello sviluppo industriale ma anche culturale e sociale del Paese. Dunque dopo dieci anni dall’avvio, nel Regno Unito, della Stockton – Darlington, la prima ferrovia pubblica al mondo, per opera di George e Robert Stephenson, anche la Germania inizia il suo viaggio nella storia del trasporto ferroviario. Oggi a Norimberga, nella Fürthstrasse, si può ammirare l’imponente monumento commemorativo realizzato per ricordare quell’impresa. In occasione dei 175 anni che ricorrono quest’anno, DB ha promosso l’organizzazione di un suggestivo programma di eventi che hanno il loro fulcro nel Museo dei Trasporti di Norimberga, realizzato nel 1899, primo in Germania, e dal 1996 Museo aziendale della DB. È proprio dal museo che deve iniziare il viaggio per comprendere ciò che le ferrovie hanno rappresentato per lo sviluppo industriale del Paese. Per costatare come le ferrovie rappresentino una testimonianza tangibile dell’innovazione tecnologica negli ultimi due secoli, ma anche della crescente attenzione all’ambiente. Un esempio? La DB che già oggi ricorre per il 90% all’energia elettrica, di cui il 16% proveniente da fonti rinnovabili, entro il 2020, si propone di portare al 30% questa percentuale. Ecco che, proprio per comprendere meglio l’evoluzione nel corso di questi centosettantacinque anni e gli scenari che si potranno aprire in futuro, è stata allestita la mostra Planet Eisenbhan (Pianeta Ferrovia). La mostra, visitabile fino al 27 febbraio 2011, sintetizza in un racconto affascinante, la storia delle ferrovie focalizzandosi su dieci aspetti: l’esordio, la misurazione del tempo e l’introduzione di un orario unico, i capitali impiegati, i ferrovieri (come nuova categoria di lavoratori e sociale), l’uso del treno nelle guerre, le merci, la velocità, il fascino di treni diventati leggendari, l’ambiente e il futuro. Dal 6 agosto al 31 ottobre 2010, il museo ospiterà anche la mostra “Adler, Rocket &Co. Europe ‘s First Locomotives”. Accanto ai venticinque veicoli già presenti abitualmente nel Museo, otto esemplari di locomotive (per lo più loro repliche fedeli), provenienti da tutta Europa, inclusa la Rocket, realizzata in Inghilterra nel 1829, si lasceranno ammirare in occasione di questa mostra speciale. Altre manifestazioni in città, che ruotano intorno al treno e al suo ruolo nella vita economica e sociale del paese, arricchiscono il programma dei festeggiamenti. Presso il Museo della cultura industriale, la mostra “Il tragitto dell’Adler“, che narra la storia della prima linea ferroviaria in Germania e lo sviluppo industriale dell’area, fino al 12 dicembre 2010. Appuntamento invece a Fürth nei giorni 28 e 29 agosto 2010, per la Festa della Ferrovia. O ancora, la mostra “Dal treno allo shuttle“, viaggio nel tempo, dalle carrozze ai primi treni fino alle navicelle spaziali, dal 1° ottobre 2010 al Planetario Copernico. Va poi segnalata l’esposizione “Il binario” sul ruolo della ferrovia nella tragedia dell’Olocausto (in collaborazione con il Memoriale di Auschwitz-Birkenau in Polonia), fino al 31 ottobre 2010, presso il Centro di documentazione sul Terzo Reich. Infine, dal 9 dicembre al 1° maggio 2011, presso il Museo Nazionale, sarà aperta al pubblico la mostra “Compagni di viaggio, qualcosa di più che bagagli“. In effetti, ben prima della comparsa dei treni, i bagagli hanno sempre accompagnato i viaggiatori e hanno dovuto adattarsi via via, ai diversi mezzi di trasporto e alle evolute esigenze dei loro proprietari.

 

Testo: Licia Zuzzaro    Foto: Licia Zuzzaro e archivio DB

 

Dove e quando:  Norimberga: Planet Eisenbhan (Pianeta Ferrovia), fino al 27/2/2011,  Adler, Rocket &Co. Europe ‘s First Locomotives dal 6/8 – 31/10/2010, entrambe al Museo dei Trasporti. Dal treno allo shuttle, al Planetario Copernico dal 1/10/10. Il binario fino al 31/10/2010, presso il Centro di documentazione sul Terzo Reich. Compagni di viaggio, qualcosa di più che bagagli, 9/12/2010 – 1/5/2011, al Museo Nazionale.
Fürth: Festa della Ferrovia 28-29/8/2010.

Come arrivare: Aereo: molte le compagnie low cost che operano su Norimberga. Prezzi 120 – 150 € A/R da Milano e Roma. Auto: da Milano 610 km e poco più di 6 ore tutte in autostrada. Treno: Se partite da una delle stazioni lungo il percorso Milano/Verona/Trento/Bolzano, potete salire sul confortevole treno diurno DB-OBB, gestito in collaborazione con Le Nord, che parte alle 6.40 da Milano Porta Garibaldi diretto a Monaco. Il biglietto si può fare anche direttamente sul treno senza pagare supplementi. Da Monaco, in un’ora di treno si raggiunge Norimberga. Le Ferrovie tedesche hanno messo a punto una specifica offerta per festeggiare il giubileo: il Jübilaum Pass, della validità di 175 ore (7 giorni e 7 ore) venduto a 175 euro, utilizzabile fino al 31 agosto, sull’intera rete ferroviaria tedesca, in seconda classe (145 euro se si hanno meno di 27 anni). Sempre valido fino al 31 agosto il Jübilaum Pass della durata di un mese intero è venduto a 299 euro (246 sotto i 27 anni). Entrambi i pass sono poi validi anche il 7 dicembre, la giornata della ricorrenza del primo viaggio dell’Adler da Norimberga a Fürth. Entrambi i pass danno diritto all’ingresso gratuito al Museo dei trasporti.

Dove dormire: A Norimberga: Hotel Drei Raben, Königstrasse 63. t. +49 (0) 911 27 43 80 80. Prezzi 100-170 €.  Prende il nome dai leggendari tre corvi che stazionavano sul camino. 4*, stanze a tema, a 5 minuti a piedi dalla stazione centrale ferroviaria. Soluzione più economica al Motel One Nuernberg-City, Bahnhofstraße 18. t. +49 (0) 911 274317-0 . Doppia 60 € per notte Semplice ma stanze dal design curato. Ottimo rapporto qualità/prezzo.

Dove mangiare: Sempre a Norimberga Zum Guldenen Stern Bratwurstkueche, Zirkelschmiedsgasse 26. t. +49 (0) 911 2059288. La “würsteria” più vecchia del mondo, locale storico datato 1419 e ottimamente conservato, 15 minuti a piedi dal centro. Una vera istituzione: grande atmosfera, orgia di salsicce di ogni tipo, ma anche ottime zuppe e piatti tipici,  innaffiati da birra superlativa. Ottimi anche i dolci (se ci arrivate) e prezzi equi. Per i nostalgici Padelle d’Italia, Theatergasse 17, +49 (0) 911 2742131. Vera cucina italiana tradizionale e raffinata. Buono anche il pesce e l’ assortimento di vini.

Informazioni utili: Ufficio DB Italia, Via Napo Torriani 29,  Milano. t. 02 67479578. Per il programma dettagliato degli eventi si consiglia di visitare il sito della Deutsche Bahn appositamente allestito per celebrare questa ricorrenza.

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.