Il lusso sopra la crisi

In silenzio e senza troppe fanfare, il mercato del lusso risorge. Del resto il vero lusso è per pochi, si sa. E quando la Grande Crisi trascina con sé la gran parte della popolazione mondiale, ecco che nascono nuove grandi fortune soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Fatto sta che il mercato dell’ultra lusso sta avendo una impennata e per quest’anno ha già sviluppato un fatturato stellare decisamente pre-crisi. Uno dei segnali più decisi arriva dalla Francia dove è stata coniata ad hoc dal Segretario di Stato al Turismo, una nuova categoria di hotel stellatissimi che snobbano le classiche 5 stelle per decollare verso il firmamento. Cose non adatte agli umani accadrebbero in tali categorie alberghiere dette ‘Palace’: camere grandi come appartamenti della classe media, room service per 24 ore, niente sale comuni da attraversare per arrivare alla propria camera, eccellenti spazi benessere, personale poliglotta e altre amenità del genere, oltre ad essere ospitati in un edificio di grande bellezza architettonica.

I nomi che attendono di entrare in questa lista dorata, non sono una sorpresa: Ritz, George V, Plaza Athénée e altre celebrità dell’hotellerie parigina. Per non fare brutte figure, consigliano di non criticare né trovare disdicevole tanta ricchezza. Invece di farsi il sangue marcio, conviene visitarli questi luoghi straordinari concentrandosi sulla bellezza, sulla storia e sulla magnificenza. Sempre che vi facciano entrare….

Testo di Lucia Giglio

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.