Il 2011 sarà l’anno del benessere

Il desiderio di benessere influenza non soltanto il nostro stile di vita quotidiano, ma anche le nostre vacanze che sempre più non servono soltanto a cambiare aria e conoscere nuove realtà, ma anche per rilassarsi e dedicare un po’ di tempo a se stessi, alla salute e all’aspetto fisico. Si spiega così il moltiplicarsi di Spa, centri massaggi, saune e hammam che oggi fanno parte del corredo di moltissimi alberghi. Un fenomeno che vede la Germania, tradizionalmente attenta al salutismo e forte di una millenaria esperienza termale, in prima fila, tanto che nel 2011 si proporrà come Paese del benessere con varie iniziative. Mentre è in preparazione una brochure (anche in versione italiana) dell’Ente Nazionale Germanico per il Turismo,  dedicata al binomio relax & wellness, è già disponibile la decima edizione dell’affermata Relax Guide Deutschland.

L’offerta di vacanze wellness è ampia in ogni regione tedesca e rispecchia anche nuove tendenze come la one day Spa, un concentrato di trattamenti per chi si ferma anche un solo giorno in albergo e ne approfitta pr una parentesi di relax. Tra le proposte più singolari spiccano quelle di Bad Sulza, una località collinare situata vicino a Weimar nella “Toscana della Turingia” e rinomata per le acque termali salmastre. Nell’avveniristico complesso della Toskana-Therme si può sperimentare il liquid sound, un sottofondo di suoni e luci in acqua che assicura distensione e benessere. L’Hotel an der Therme offre un pacchetto di fine settimana, l’Underwater Classics, a partire da 161 euro a persona in camera doppia; comprende due pernottamenti con mezza pensione, l’accesso alle terme e alle saune, una serata di liquid sound nella piscina termale e altri extra.

A cura di: Samantha Lamonaca

Info: Toskana Therme

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.