Gargano, al di là del mare

Un aspetto del Gargano che mi ha colpita è il desiderio dei giovani di promuovere il territorio. In un’epoca in cui gli italiani cercano l’occasione propizia per andare a lavorare all’estero, in cerca di terre più felici, qui ho incontrato molti ragazzi che hanno il solo desiderio di vivere e valorizzare la zona nel migliore dei modi.

Mosso da un grande amore per la propria terra e dalla consapevolezza delle potenzialità inespresse della zona, Giuseppe Romondia è un ragazzo che riesce a trasmettere un enorme entusiasmo parlando della sua casa, come ama chiamare il Gargano.

La sua famiglia rappresenta un’istituzione per il paese e il loro locale, il Bar Pasticceria Pizzicato, rappresenta un importante richiamo per le zone limitrofe. Presente sul mercato dagli anni ’60 è un’attività che è stata riconosciuta e premiata da note istituzioni come il Gambero Rosso.

La pasticceria fa da reception all’omonimo Bed & Breakfast, che vanta di promuovere un impegno eco-sostenibile inteso come rispetto dei luoghi e uno tipo di sviluppo e promozione genuino. Le loro conoscenze del territorio permettono poi al visitatore di avere subito un idea di Gargano pieno di alternative e offerte che garantiscono un soggiorno unico. Sostenibilità dei consumi e prodotti bio per la colazione rendono il quadro perfetto.

Tipica del Pizzicato B&B è anche la formula ‘baratto, paghi non con i soldi ma con le tue competenze’. E’ noto che l’associazione italiana B&B organizzi annualmente la settimana del baratto ma da Pizzicato la formula vale tutto l’anno. Chiunque svolga un’attività artistica o potenzialmente interessante per l’attività, deve solo mettersi in contatto con il proprietario e concordare i termini del baratto.

Le nuove generazioni desiderano che il Gargano venga scoperto e vissuto durante tutto l’anno non solo d’estate e che lo scomodo paragone con il vicino Salento venga un po’ meno con la conoscenza dei luoghi che tanto hanno da offrire. Lunghi percorsi da fare a piedi, trekking a cavallo, luoghi storici da visitare e poi sì, anche il mare merita una sosta con le sue acque limpide.

Gli amanti della gastronomia, qui, non rimarranno certo delusi. Sono molti i ristoranti che offrono le specialità locali. Una cucina semplice e genuina, realizzata con i frutti della terra attraverso una sapienza antica, tramandata di generazione in generazione.

I piatti che si possono degustare sul Gargano ricordano tempi lontani, quando sulla tavola si portava ciò che era disponibile nell’orto. Naturalmente le ricette si sono arricchite e ed evolute mantenendo però il loro antico sapore. La minestra di cicoria e fave, il caciocavallo podolico, formaggio stagionato nobile dai profumi complessi, il tartufo della Foresta Umbra ed il vin cotto di fichi che accompagna egregiamente il cacioricotta sono solo alcune delle delizie garganiche.

Ci vorrebbe forse un po’ più di coraggio da parte degli abitanti della zona, la consapevolezza che se le attività commerciali vengono tenute aperte i turisti arrivano ed un pizzico d’aiuto da parte della regione con un’adeguata promozione turistica ed il Gargano potrebbe mostrarsi in tutta la sua bellezza antica.

Info utili

Come arrivare: in auto: percorrendo l’ A14 (Bologna-Bari) uscire al casello di Poggio Imperiale e proseguire sulla strada a scorrimento veloce del Gargano (S.S. 693). In treno: le stazioni principali a servizio del territorio sono Foggia e San Severo, collegate con Vico del Gargano attraverso autobus di linea e treni locali.

Dove dormire: Pizzicato Eco Bed&breakfast, Vico del Gargano. Per info e prenotazioni: telefonare al numero 3384834567 oppure visitare il sito web della struttura. Appartamenti spaziosi e dotati di cucina. La cura dei particolari è minuziosa ed ogni locale è caratterizzato da un colore. Wifi gratuito. La colazione bio al Bar Pizzicato è indimenticabile.

Dove mangiare: E’ facile mangiare bene in questa zona ma in due locali mi sono trovata particolarmente bene. Ristorante lo Svevo, via Cilenti, Vico del Gargano. t. 0884991499. Locale gestito da una coppia molto giovane che ha imparato il mestiere di ristoratore dai genitori. Grande cura nella scelta delle materie prime, sempre fresche ed a chilometri zero, ed innovazione applicata alle ricette della tradizione. Cantina il Trappeto, via Casale 168 Vico del Gargano. t. 0884993898. Il locale si trova in una suggestiva grotta in tufo ed è arredata con uno stile a metà tra il moderno ed il tradizionale. Il proprietario è una persona gentile ed affabile che spiega i piatti comunicando tutto il suo amore per la cucina garganica. In estate, poco distante, apre anche un bar all’aperto su una terrazza che offre un panorama mozzafiato.

Testo e foto di Federica Giuliani

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.