La Repubblica Ceca in bicicletta

Vaste pianure coltivate, valli profonde, prati e pascoli sconfinati, sponde verdeggianti di fiumi lucenti, morbide colline ammantate di vigneti, fitti boschi, placidi laghi, pendici scoscese, alte vette panoramiche, strani fenomeni geologici, rocce magistralmente scolpite dalle erosioni, nobili dimore, antichi castelli, borghi rurali, eleganti località termali, città d’arte, siti Unesco… perché lasciar scappare tutto lo straordinario fascino del territorio ceco fuori dal finestrino di un’auto o di un treno in corsa, senza poter godere di ogni singolo scorcio? Non occorre essere sportivi o patiti delle due ruote per prediligere la bicicletta per una vacanza in Repubblica Ceca. Basta essere intenditori, saper apprezzare il bello, sostenere tutta la saggezza dell’andamento lento. Pensate di perlustrare questo territorio tanto vario senza nessuna fretta, al ritmo delle vostre gambe, assecondando lo stupore degli occhi di fronte a ciò che cercavate e a ciò che non immaginavate. L’intero Paese è solcato in lungo e in largo da infiniti itinerari cicloturistici e piste ciclabili, non di rado parte di famosi percorsi internazionali. Ce n’è per tutti i gusti e i livelli di allenamento.

ITINERARI D’ACQUA, MA ANCHE DI VINO

Nel dubbio comunque, i meno allenati e meno sportivi è bene che prediligano invece le pianure che vestono di verde la Cechia, in particolare in Boemia centrale e meridionale e in Moravia meridionale. E non pensino a paesaggi monotoni, perché ogni angolo offre scenografie diverse e nuovi stimoli a calcare sul pedale. Nel Sud della Boemia, per esempio, le piste ciclabili si insinuano tra i laghi artificiali della zona di Trebon in un paesaggio unico di terra e acqua. Nel Sud della Moravia, là dove corre la Via del Vino, gli itinerari cicloturistici si avventurano invece in piacevoli saliscendi tra filari ordinari di vigne, a caccia di paesini pittoreschi e ottime cantine. Sempre in Moravia si può decidere anche di seguire il corso del canale di Bata, fin dove le gambe reggono. Ma niente paura: per tornare alla base si può salire a bordo, bici al seguito, di battello di linea.

PEDALATE A REGOLA D’ARTE

Se la bicicletta per voi è solo un mezzo alternativo alla ricerca del Bello, quello con la lettera maiuscola, non limitatevi ai capolavori di Madre Natura, di cui la Cechia è pur ricca. Regalatevi un tour culturale alla scoperta delle città d’arte, dei monumenti storici e dei numerosi siti Unesco di cui il Paese va giustamente fiero. Sono numerosi gli itinerari che, insinuandosi sempre attraverso paesaggi naturali bellissimi, conducono a ville, castelli, villaggi e città storiche. Anzi, potreste far base proprio in una città, magari la stessa capitale –Praga- e poi da lì muovere ogni giorno alla volta delle attrattive dei suoi dintorni. Perfetta in questo senso Cesky Krumlov, inserita dall’Unesco nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità e circondata da una fitta rete di piste ciclabili.

BIKE-TOUR GUIDATI, FUORI DAI CIRCUITI CLASSICI

La segnaletica lungo le piste ciclabili ceche è assolutamente accurata e chiunque può muoversi in autonomia, anche con l’ausilio di mappe dettagliate. Se però non osate avventurarvi da soli, preferite andare sul sicuro, desiderate affidarvi a un esperto o volete spingervi fuori dai circuiti classici ecco la possibilità di prender parte a tour guidati in bicicletta. Guide turistiche specializzate conducono ovunque voi vogliate, anche lungo itinerari impervi o nel cuore di territori meno conosciuti o battuti, magari nemmeno segnalati nelle mappe cicloturistiche. Nei tour l’assistenza è totale: gli organizzatori pensano a tutto, dall’alloggio al trasporto bagagli. Per chi pensa a qualcosa di meno “avventuroso”, comunque, guide turistiche in sella alla bicicletta sono sempre più diffuse anche nelle città d’arte, come per esempio Praga, Pilsen, Olomuc ecc.

PRIMA PEDALARE, POI TUFFARSI. NEL RELAX DELLE TERME

Se temete di non reggere un’intera vacanza in sella e prevedete che la mattina dopo una lunga pedalata non riuscirete a far lavorare di nuovo le gambe a dovere, rilassatevi. E intendiamo proprio rilassatevi! Scegliete come destinazione una delle tante rinomate località termali della Repubblica Ceca. Accoccolati in territori sempre bellissimi ed eleganti testimoni di un’epoca di fasti in cui le cure erano appannaggio dell’aristocrazia, gli stabilimenti termali cechi offrono a fine giornata il meritato premio per chi ha pedalato: relax totale in piscina, bagni sulfurei e massaggi distensivi. L’unica cosa che vi costerà davvero fatica a questo punto sarà decidere di abbandonare un simile paradiso di coccole per risalire in bicicletta…

GLI APPUNTAMENTI DELLA STAGIONE

1.5.2011 – 15.5.2011 Inizio della stagione termale

I bagni cechi sono aperti tutto l’anno ma, all’inizio di maggio, l’inaugurazione della stagione principale delle terme è sempre un grande evento pubblico.

1.5.2011 Apertura della stagione di navigazione sul canale di Bat’a

In questo giorno avviene l’apertura simbolica accompagnata dal programma culturale, gite in barca ed altre attività.

6.5.2011 – 7.5.2011 Mercati del vino a Valtice

A Valtice si svolgerà la quarantesima edizione della più grande e prestigiosa mostra di vini con una partecipazione internazionale in Cechia.

12.5.2011 – 4.6.2011 Primavera di Praga 2011

La Primavera di Praga è un appuntamento imperdibile per eccellenti artisti a livello mondiale, orchestre sinfoniche e orchestre da camera che offrono una cinquantina di concerti per la gioia di quarantamila spettatori. Obecni dum, la Casa Civica, è sede privilegiata della manifestazione; nella splendida sala Smetana si tiene ogni anno il concerto inaugurale del festival, in coincidenza con l’anniversario della morte (11 maggio 1884) del compositore ceco Bedrich Smetana: viene allora eseguita la sua travolgente opera sinfonica La mia Patria. Per circa tre settimane concerti, rappresentazioni e balletti animano vari luoghi della città, primo tra tutti il Rudolfinum.

A cura di: Samantha Lamonaca

Info: Turismo ceco

info-it@czechtourism.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.