Viennafair, la fiera dell’arte contemporanea

Imminente meta dei collezionisti più girovaghi e di chiunque altro viva l’arte contemporanea con passione e interesse è Viennafair. L’ evento, che dal 12 al 15 maggio si svolge parallelamente alla milanese MIA Fair.

Affollatissimo e collocato nel centro di una Vienna che si presenta sempre più propensa all’ innovazione e al cambiamento, Messe Wien è  il principale complesso fieristico della città. All’interno di questa nuova, ma già celebre manifestazione culturale, valore artistico e interesse commerciale si intrecciano in un rapporto di trama e ordito. La fiera accoglie artisti affermati ed emergenti promettenti originari dell’Europa centrale e sudorientale, testimoni di differenti realtà artistiche e autori di opere d’avanguardia che spesso sfuggono a un’interpretazione univoca. Tra questi, all’ interno dello stand della galleria Alessandro De March, trova visibilità Maura Biava, artista italiana emigrata in Olanda, la quale esamina formule matematiche di configurazione geometrica e le sottopone a un processo di elaborazione estetica personale, dando vita a sculture in ceramica e monumenti di aspetto biomorfico,  non molto dissimili dai naturalia esposti con sfoggio all’interno delle wunderkammer cinquecentesche. La sua arte nasce da un approccio visionario e consente di accostarsi sia al mondo mentale che a quello emozionale. All’interno di uno spazio fisicamente circoscritto, Wiennafair è una grande finestra su un’arte tutt’altro che sterile, la cui volontà è quella di infrangere i limiti di una produzione stereotipata. Occasione per individuare artisti di significato, per formulare un’ipotesi temporanea sul loro futuro e per compiere un’esperienza estetica elettrizzante.

A cura di: Samantha Lamonaca

Info: Viennafair

Dove: Messeplatz 1, Messe Wien, Hall A

Quando: dal 12 al 15 maggio 2011

Come raggiungere Viennafair: Metropolitana U2 U-Bahn, fermata U2 Station Messe/ Prater; Bus 11 A e Bus 80B

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.