Yahel Chirinian: una francese a Goa

Finestra aperta sull’Oceano Indiano, esposta alle forti correnti del Mar Arabico e al regime monsonico dei venti, Goa è il punto di riferimento per Yahel Chirinian, artista contemporanea a tutti gli effetti ma che ribadisce la volontà di definirsi artigiana, nata ad Avignone, di origini libanesi, armene e israeliane e trasferitasi in India da più di dieci anni.

La sua casa, su un territorio che dal ‘500 è colonia portoghese, non è molto distante dalle baie naturali della costa e rimane occultata all’interno di un paessaggio indomato, che offre la visione di scorci di natura selvaggia e indomita e che ospita al suo interno animali di provenienza autoctona quali bufali e serpenti.

Dice di amare il tempo di Goa quando è brutale, ma trova ispirazione nel riverbero della luce solare e nel sorriso delle persone. Il suo lavoro si discosta da quello di artisti contemporanei impegnati in riflessioni critiche e di tendenza pessimistica, per altro non sempre efficaci. La sua volontà è invece quella di celebrare la vita come dono della natura e di riuscire a tradurre questo concetto nei suoi lavori.

“Goa”, dice, “invita alla concentrazione: l’aspetto fortemente naturalistico del territorio e l’atmosfera creata da chi quotidianamente vi ci abita garantisce a chi gode di un certa sensibilità una continua crescita personale e artistica e un costante rinnovamento e potenziamento di idee rivelatrici”.

L’attività di Yahel unisce oriente e occidente, antico e moderno. Ella riutilizza, per esempio, antiche poltrone di origine portoghese, collocate precedentemente all’interno di storici palazzi, operando delle rivisitazioni attuali e personalizzate, pur conservandone l’ aspetto imperiale originale.

Utilizza per ciascuno dei suoi lavori di design quali lampadari, specchi e oggetti decorativi, materiali di qualità come corallo e piccoli tasselli di vetro che conferiscono agli oggetti una luce propria.

Oltre ad essere un’artista, Yahel è viaggiatrice per vocazione e dai suoi viaggi attinge spunto per la sua attività. Prossima tappa del suo viaggio è San Pantaleo dove il 15 luglio 2011 inaugurerà la sua prossima mostra “LOVE YOU MORE”.

Informazioni relative alla sua esposizione in Sardegna sul sito ufficiale.

Testo di Raffaela Cuccu

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.