Piemonte afroamericano

Un viaggio alla riscoperta della musica di oggi, dalle canzoni dei neri d’America al pop, alla classica e ritorno: con un po’ d’immaginazione, questo weekend le campagne piemontesi sembreranno terre d’oltreoceano per una due-giorni di musica tradizionale afroamericana.

Un’occasione per rivivere le emozioni che hanno accompagnato la musica popolare americana, quella che ha dato un contributo fondamentale ai generi che siamo abituati ad ascoltare ogni giorno. Dal blues, al ragtime, al gospel, fino al jazz moderno. Ma anche alla musica pop e ad un’importante produzione classica quasi sconosciuta al pubblico italiano e che attende di essere scoperta.

Due concerti del violinista americano Aaron Berofzsky potrebbero essere il modo migliore per iniziare questo viaggio, pur senza allontanarsi troppo da casa.

Venerdì 28 a Torino e sabato 29 a Manforte d’Alba, il violinista suonerà per il festival itinerante “EstOvest – Un viaggio nella musica di oggi”. Prima come solista e poi con il quartetto Xenia Ensemble e con la pianista Valentina Messa, il violinista Aaron Berofzsky accompagnerà appassionati da tutto il mondo verso la riscoperta della tradizione musicale afroamericana. Sembrerà quasi di essere in centroamerica, nelle piantagioni di cotone dove gli schiavi liberati cantavano i loro dolori.

Tra i musicisti più importanti del panorama culturale degli Stati Uniti, Aaron Berofzsky insegna in tre università, è primo violino della Ann Arbor Symphony e si è esibito con l’acclamata orchestra da camera Tafelmusik, con la quale ha inciso un cd per l’etichetta Sony. Si esibisce spesso con la Camerata Deia e continua a partecipare a recital e festival in America e in Europa.

Oltre a un apericena per ingannare il tempo in attesa del concerto, il festival organizza inoltre anche due mostre, il cui ingresso è incluso nel biglietto dei concerti. Venerdì la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino ospiterà la mostra intitolata “Un’espressione geografica”, aperta tutta la sera fino alle 21.30. Sabato, invece, sarà inaugurata l’esposizione “Su carta”, con le opere di Gianfranco Ferroni e Sergio Saroni, alla Fondazione Bottari Lattes di Manforte d’Alba.

Giunta alla decima edizione e diventato punto internazionale per le avanguardie musicali, la rassegna EstOvest è stata ideata dall’Associazione Xenia Ensemble per presentare in Italia compositori e musiche poco conosciute e provenienti da paesi lontani. Per permettere a tutti di viaggiare senza allontanarsi troppo.


Testo di Giorgia Boitano



Programma:

– Venerdì 28/10: Torino, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, via Modane 16

ore 20.00 apericena, inizio concerto alle 21.30

biglietto intero 15€, ridotto 13€

– Sabato 29/10: Manforte d’Alba, Fondazione Bottari Lattes

ore 18 inaugurazione mostra “Su Carta”, inizio concerto ore 21.00

ingresso gratuito.

Info: Associazione Xenia Ensemble

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.