Agriturismo, che bontà

Tutta la famiglia sale in auto e si avvia in direzione campagna, per immergersi in una vacanza all’insegna di relax, buona tavola, ospitalità e allegra compagnia.

È il profilo dell’agriturista tipo, emerso dall’indagine che il portale Agriturismo.it ha condotto nel mese scorso sulle risposte di 3100 utenti.

Rigorosamente in campagna, l’agriturismo è sempre più la destinazione ideale per un soggiorno in compagnia: il 52% degli intervistati parte con i propri figli, mentre il 49% sceglie una vacanza romantica di coppia e il 35% ama andare in agriturismo insieme agli amici. L’età media è tra i 35 e i 49 anni, segno che il target si sta spostando verso un pubblico più adulto. Aumentano anche gli over 50, oggi il 6% in più rispetto al 2009.

Chi sceglie una vacanza di questo tipo, mira a un soggiorno nel cuore del luogo, a partire dalla cucina: mangiare sano, preferibilmente prodotti freschi, coltivati nell’orto dell’agriturismo stesso, menù legati alla stagione e alle ricette locali.

Essenziale è trovare un’accoglienza di tipo familiare, perché il bello di questi posti è proprio l’atmosfera impagabile che deriva da chi gestisce l’attività, quel clima rilassato che ti fa pensare, “come sarebbe bello vivere così”…

Ogni attività è orientata al relax: bagni in piscina, escursioni a piedi sulle colline o tra i campi, passeggiate a cavallo, visite culturali.

La sera, si gira alla ricerca di ristoranti tipici, magari scelti in base ai consigli raccolti qua e là durante il giorno. Pochi, infatti, scelgono la pensione completa: meglio la mezza (52,8% degli intervistati), o la formula bed & breakfast (30,8%).

Fortunatamente l’Italia ci offre così tante possibilità enogastronomiche che c’è sempre qualcosa da scoprire, anche senza allontanarsi troppo.

Info: Agriturismo.it

Testo di Giorgia Boitano

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.