Capodanno Bennato a Napoli

Bennato e Bennato, Eugenio e Edoardo, taranta e rock, per l a prima volta insieme sul palco per  festeggiare Napoli e l’inizio del 2012. Il concerto di Capodanno che si terrà in piazza Plebiscito sarà all’insegna  della musica di due fra i più illustri musicisti e cantautori napoletani.

I fratelli Bennato uniti dall’amore per la musica e per la  loro città Napoli, ma dagli stili diametralmente opposti , hanno accolto l’invito del sindaco De Magistris e hanno deciso di imbracciare le chitarre per regalare ai napoletani e agli appassionati uno spettacolo che passerà negli annali della storia della musica.

«Ho accetto con piacere l’invito di De Magistris – dichiara Eugenio – che mi consente di essere  per la prima volta al fianco di mio fratello su un grande palcoscenico. Ho sempre affermato che le grandi feste di taranta hanno molto in comune con i riti collettivi del rock, per cui il 31 dicembre assisteremo  alla convergenza di questi due mondi paralleli».

Eugenio ha appena pubblicato Questione Meridionale, un  album intenso e impegnato che affronta i problemi del Sud all’Unità d’Italia fino ad allargare il discorso al Mediterraneo. Temi molto cari a Eugenio che nei suoi brani mostra quanto il Sud sia lontano dagli stereotipi  ma sia in realtà orgoglioso della propria cultura e vitale come dimostrano la partecipazione alle feste in piazza di migliaia di ragazzi, le scuole di taranta, il recupero da parte dei nuovi artisti dei  dialetti e dei ritmi tradizionali. «Sono  tutti  eventi sorprendentemente attuali – dichiara Eugenio Bennato – che segnalano un ritorno, imprevedibile e positivo, di una creativa “questione meridionale” che ha a che fare con un modo nuovo e antico di fare sentire la musica».
“questione” che si allarga oggi alcuni problemi legati al Sud da una prospettiva di chi il Sud lo ha vissuto e lo vive

Il concerto comincerà mezz’ora prima della mezzanotte e dopo il brindisi durerà per altre due ore.

Testo di Eugenio Bersani

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.