Vacanze di Natale 2011… a Firenze

Meravigliosa tutto l’anno e conosciuta in tutto il mondo per le sue bellezza artistiche e architettoniche, Firenze potrebbe sorprendervi con la sua atmosfera nel periodo natalizio.

Cascate di luce adornano le vie dello shopping fiorentino


Le strade di Firenze si accendono di piccole cascate di luce, i negozi si colorano dei toni del natale e le temperature miti permettono di passeggiare a lungo e godere di tutto ciò.

Perdetevi fra i gioielli del centro storico Patrimonio dell’Umanità. Da piazza del Duomo dove sorgono la Cattedrale di Santa Maria in Fiore, coronata dall’imponente cupola del Brunelleschi, il Campanile di Giotto ed il Battistero San Giovanni, raggiungete tramite Via dei Calzaiuoli, luogo dello shopping raffinato,  l’elegantissima Piazza della Signoria, sede di Palazzo Vecchio e della Galleria degli Uffizi.

Arrivate fino a Piazza Santa Croce, e girovagate tra le bancarelle del Weihnachtsmarkt: il  mercatino di Natale tedesco. Nella splendida cornice di una delle piazze più belle del capoluogo toscano, troverete decorazioni per l’albero natalizio e per il Presepe, giocattoli lavorati a mano, ceramica di Bunzlau, sciarpe e cappellini in lana, gioielli di vario tipo e curiosità per comprare gli ultimi regalini. Ma anche formaggi tedeschi, vini speziati, birra, wurstel, brezel, pan pepato, strudel e molte altre leccornie, da gustare magari su una giostra per cavalli trasformata in una piccola taverna rialzata.

Dopo lo shopping, riposatevi in piazza della Repubblica

Se vi piacciono i presepi, forse questo è proprio uno dei migliori momenti per assaporare il vero sapore di una città d’arte così ricca di storia. Le chiese di Firenze celebrano uno dei momenti più sentiti ed antichi della religione con messe, concerti sacri e bellissimi presepi, sia statici che in movimento. Se la giornata lo permette, pranzate al volo da un “trippaio” sulla strada, uno dei tanti baracchini che vendono panini con trippa alla toscana o “lampredotto”. Un po’ pesante da digerire, ma davvero gustoso e sicuramente tra le pietanze da assaggiare.

Immancabile anche una cena in una trattoria tipica, dove mangiare “la ciccia”: bistecche di ogni taglio e dimensione, accompagnate da patate al forno e da un buon Chianti faranno al caso vostro.

Tornare alle vie dello shopping, questa volta con la pancia piena, sarà più piacevole. Vedrete i negozi delle migliori marche, tutti con un che di chic, come tutto quello che si trova a Firenze.

Non perdetevi i giochi di luce sul Ponte Vecchio, che a ritmi irregolari viene illuminato da un lato di blu, rosa e verde mentre dall’altro è rosa e giallo. Anche le statue sul Ponte S.Trinita sono illuminate di blu e, dopo il tramonto, rendono le passeggiate sul lungarno ancora più suggestive.

Se cercate anche un po’ di svago, niente di meglio del pattinaggio su ghiaccio, nella pista di 600 mq in Piazza della Libertà. Aperto tutti i giorni, il Palaghiaccio potrebbe essere addirittura il luogo adatto per il vostro veglione di Capodanno.

Se non avete ancora deciso cosa fare per festeggiare il 2012, c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Tra le feste all’aperto, ci saranno il concerto di Caparezza in Piazza Santa Maria Novella e quello dei cantanti gospel in Piazza Santissima Annunziata, capaci di creare la giusta atmosfera per la Festa di Capodanno. Troverete musica dal vivo e dj famosi anche sotto la loggia del mercato in piazza Ghiberti, nel quartiere di Sant’Ambrogio, dove lo scorso anno si sono raccolte 15mila persone e dove, tra un brindisi e l’altro, si si servono pesce fritto e baccalà.

Per i più classici, invece, al Nuovo Teatro dell’Opera del Maggio musicale fiorentino ci sarà il concerto diretto dal maestro Zubin Mehta, mentre al teatro Lirico Europeo in Santa Croce, l’Orchestra filarmonica diretta da Giuseppe Lanzetta, suonerà le musiche di Strauss, Verdi, Bizet.

Buone vacanze a tutti, e occhio a non abbuffarvi troppo con le delizie toscane!


Testo di Giorgia Boitano

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.