Pakistan da scoprire, tra natura, archeologia e antiche civiltà

Fiumi selvaggi, imponenti montagne solcate da valli dove la natura offre uno spettacolo grandioso, ma anche città piene di monumenti, siti archeologici e la moschea più grande del mondo, da ammirare e fotografare nella memoria.

L’occasione, un viaggio “per intenditori” alla scoperta dei tesori archeologici del Pakistan.

Un viaggio che partendo dal sud del paese (lontano dalle turbolenze interne) consente di ripercorrere le tracce di antiche civiltà dell’Indus Valley attraverso paesaggi naturali di struggente bellezza, e siti archeologici di rara suggestione e interesse, entrando in contatto con le popolazioni ospitali che vivono in villaggi tribali e città dai nomi fascinosi.

Si parte dall’Italia a Karachi con city tour della capitale della provincia di Sind sulla costa del Mar Arabico. Si riparte poi alla volta di Mohenjo-Daro, sulla riva destra dell’Indo, il sito archeologico che ospita quello che rimane di un’antichissima civiltà risalente all’età del Bronzo. Tappa poi a Lahore, ex cuore dell’Impero Mughal, per ammirare alcuni gioielli dell’architettura del tempo: il forte, la moschea (la più grande del mondo) e gli splendidi giardini Shalimar.

Ecco poi Harappa, il secondo centro archeologico della regione, affacciato sulle sponde del fiume Ravi, con reminiscenze di una civiltà evoluta che risalgono a più di cinquemila anni fa. Gran finale a Taxila, uno dei principali e suggestivi luoghi archeologici dell’Asia Meridionale, centro della civiltà del Ghandara che risale all’invasione dei Greci guidati da Alessandro Magno.

Il pacchetto di 9 giorni e 7 notti è di 2410 euro a persona, che comprendono il volo da Milano o Roma con Emirates via Dubai-Karachi, i trasferimenti e il pernottamento in hotel con prima colazione. Sono previste partenze tutti i giorni tranne il lunedì e il miglior periodo per il viaggio arriva fino ad aprile.

Info utili:

Go Asia, www.goasia.it, tel. 071-2089301 (Ancona)

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.