Taipei. Il tesoro della libreria nascosta



Girando per le vie di Taipei, mi rendo conto della sua particolarità. Non è un posto facile, non è dato tutto per scontato, ma bisogna armarsi di santa pazienza e curiosità per visitarla, perché i suoi stretti vicoli, tra case decadenti e alberi tropicali di ogni genere, nascondono piccoli gioielli da proteggere.
Girovagando senza meta, ho visto tantissimi negozi, bar, ristoranti molto caratteristici, ognuno diverso dall’altro, ma tutti molto particolari e devo dire che i taiwanesi sono molto creativi e fantasiosi, hanno il gusto del dettaglio e anche il loro modo di vestire ne è la dimostrazione.
Taipei è una città da scoprire e nasconde mille segreti, come questa meravigliosa libreria, che si chiama VVG Something e si trova in una stradina sperduta, di fronte a un ristorante dall’arredamento etnico con particolari da favola che è della stessa proprietaria.
Con i suoi 50 mq, è un piccolo contenitore di storie e di oggetti e nel gennaio di quest’anno è stata eletta una delle 20 librerie più belle del mondo.
La proprietaria Grace Wang, inizialmente, usava questo spazio come magazzino per il suo ristorante. Amante di libri e di viaggi, ogni volta che andava all’estero acquistava vari souvenir, libri, riviste, oggetti di ogni tipo e li impilava in questo ripostiglio. Sinché un giorno ha pensato bene di condividere questa sua collezione con chi avesse le sue stesse passioni ed ecco nascere questa fantastica libreria- emporio, che raccoglie anni e anni di viaggi e di storie. Inoltre, c’è un piccolo angolo dove è possibile sorseggiare un caffè servito in tazze portate dal Giappone, sfogliando un libro di design o di cucina francese.
E’ un posto molto stimolante dove rilassarsi evadendo dal caos tropicale.


Foto Web Testo Teresa Pisanò  http://asia-monamour.blogspot.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.