Stefano Pesarelli fotografo vince ICP Awards



La fotografia “Fight for Flamingos” di Stefano Pesarelli, bravissimo fotografo naturalista e di reportage, collaboratore di Latitudes, si è aggiudicata  tra 1500 concorrenti  L’International Conservation Photography Awards (ICP Award), importante evento a livello mondiale per la fotografia legata alla conservazione e all’ambiente fondato dal celebre fotografo naturalista Art Wolfe. I vincitori dell’edizione 2012 del concorso fotografico saranno esposti dal 30 giugno al 25 novembre in una mostra presso il prestigioso Burke Museum of Natural History and Culture in Seattle, Washington. Spero che la mia foto “Fight for Flamingos”, Director Award Winner, possa aiutare a sensibilizzare e proteggere in qualche modo lo spettacolo surreale di centinaia di migliaia di fenicotteri rosa che popolano i laghi africani della Great Rift Valley” ha dichiarato Stefano dopo il successo.



Anticipiamo ai nostri lettori che Latitudes pubblicherà prossimamente un articolo di Stefano sulla Tanzania, uno sul Mozambico e uno speciale “Solo per i tuoi occhi” che includerà alcune delle sue fotografie naturalistiche più belle.


Testo a cura di Federico Klausner   |   Foto Stefano Pesarelli




Stefano Pesarelli è un appassionato viaggiatore, scrittore e fotografo che vent’anni fa, con lo zaino in spalla, dopo diversi viaggi in Oriente, ha incontrato l’amore per l’Africa: da allora il suo desiderio di conoscenza non lo abbandona mai. Dopo aver realizzato una Transafrica in solitaria con la sua Fiat Campagnola da Torino al Mozambico, crea, a fine 2004, AfricaWildTruck, Tour Operator con base in Malawi in cui unisce la sua filosofia di viaggio e la passione per la fotografia in spedizioni a bordo di un truck modificato e attrezzato per garantire la massima affidabilità in viaggio. Specializzato in safari fotografici e workshop di reportage, ha accompagnato fotografi di fama internazionale come Edoardo Agresti e Federico Veronesi nella natura più incontaminata e nella vita africana più inconsueta: ad oggi ha percorso quattro volte il giro della terra in questo Continente. E’ iscritto come fotografo professionista al FEP Federation of European Photographer ed ha ottenuto il QEP Qualified European Photographer.


Diverse sue immagini hanno raggiunto alti livelli in Contest internazionali come il Black and White Professional Awards il PX3 Prix de la Photographie Paris e il recente Photo Contest 2011 National Geographic USA.


Ha esposto in diverse città italiane ed estere e ha pubblicato i suoi reportage su magazine importanti come Witness Journal, Nigrizia, Africa, Repubblica.it o Lastampa.it. Le sue fotografie dall’Africa sono un racconto mai banale attraverso l’uso di mezzi differenti, dalla classica reflex, alle vecchie Polaroid, all’iPhone: uno dei progetti più interessanti e seguiti a cui lavora è certamente Africa through iPhone, una raccolta di immagini in divenire scattate e processate con un iPhone che vengono presentate sui migliori blog di fotografia.E’ tutor e contributor per la Manfrotto School of Xcellence, QIP Qualified Italian Photographer e membro di OASIS Photographer.


Autore di guide per viaggiare è impegnato in numerosi progetti sociali e di conservazione del territorio, portando alto il lavoro di diverse ONG internazionali. Vive in safari, spesso immerso nel bush, ma è una fabbrica di idee; a dimostrazione del fatto che non occorre fare troppa strada per raccontare delle storie, molti dei suoi più interessanti reportage sono stati realizzati dietro casa, a Lilongwe.

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.