Romania. Maramures, gli ultimi custodi



Info utili

Ente Turismo Romania – Via Torino, 95 CAP:00184 Roma – t. 06 48986281, 064880267

Come arrivare: In aereo: voli dai principali aeroporti italiani per Baia Mare, principale città del distretto Maramures. Da qui con auto a noleggio è possibile visitare l’intera regione. In auto: per raggiungere la Romania dall’Italia due sono i possibili percorsi: Tarvisio-Austria-Ungheria- Romania oppure Trieste-Slovenia-Croazia-Ungheria-Romania. La regione di Maramures si trova a nord della Transilvania, al confine con l’Ucraina.

Clima – Quando andare: clima di tipo continentale con estati calde e inverni molto freddi e nevosi influenzati dalla vicinanza dei Carpazi. E’ consigliabile quindi visitare la regione Maramures nel periodo estivo o primaverile.

Fuso orario: +1 h

Documenti:  carta d’identità o passaporto.

Vaccini: nessuno obbligatorio

Lingua e religione: romeno. La popolazione Maramures appartiene alla Chiesa ortodossa romena.

Valuta: la moneta ufficiale della Romania è il Leu (plurale Lei). 1 Leu=100 bani. Le valute estere possono essere cambiate nelle banche e negli uffici di cambio autorizzati (chiamati: “casa de schimb” o “birou de schimb valutar”).

Elettricità: 220 volt.

Telefono: il prefisso per chiamare la Romania è lo 0040. Il paese è ben coperto dal segnale di telefonia mobile.

Sfoglia il magazineVai alla photogalleryScarica il pdf

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.