Scoprire Istanbul: il museo dell’Innocenza

Orhan Pamuk, il più grande romanziere turco contemporaneo, ha fortemente voluto il museo dell’Innocenza a Istanbul: un motivo in più per scoprire o visitare nuovamente la città. Si trova a pochi passi dalla via dello shopping, Istiklal Caddesi, e prende il nome dall’omonimo romanzo pubblicato dallo scrittore nel 2008. Il libro racconta dell’infelice storia d’amore tra Kemal e Füsun, che si è consumata in Turchia tra gli anni 50 e 90. L’autore descrive oggetti e arredamenti della vita quotidiana dei protagonisti, che sono stati raccolti nel museo.

Pamuk, infatti, ha cercato e selezionato personalmente tutti i pezzi in esposizione e ha voluto disporli su tre piani e 83 vetrine, tante quante i capitoli del libro. Istanbul non è solo moschea blu e Topkapi, ma anche nuovi musei e spazi espositivi moderni che fanno capire dove la città sta andando, come si sta evolvendo.

Il palazzo dove sorge il museo è stato acquistato da Pamuk a fine degli anni ’90, ma, dopo lunghe ristrutturazioni, è stato aperto solamente nell’aprile 2012. Da allora quartiere dove sorge, Çukurcuma, si è trasformato da popolare a glamour, meta per stranieri e locali benestanti. Se non avete letto il libro non preoccupatevi: chi visita il museo ne esce con una forte curiosità di scovare i vari oggetti nelle pagine scritte.

Programmate un week end a Istanbul e, se siete soci del Club di Latitudes, potrete risparmiare!

Cosa: Museo dell’Innocenza

Dove: Çukurcuma Caddesi, Dalg?ç Ç?kmaz?, 2, 34425, Beyo?lu, ?stanbul

Testo di Federica Giuliani | Foto Web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.