Triennale di Milano: in mostra Dracula e i vampiri

Fino al 24 marzo 2013 la Triennale di Milano presenta la mostra Dracula e il mito dei vampiri: leggende e miti legati a una delle figure più suggestive  e antiche. Attraverso dipinti, incisioni, disegni, oggetti storici, documenti, video e costumi di scena si delinea la figura del vampiro per eccezione partendo dalla storia per sconfinare nella letteratura e nella cinematografia.

La mostra è un’occasione per rendere omaggio a Bram Stocker che, nel 1897, pubblicò il romanzo “Dracula”. Le diverse declinazioni del fenomeno del vampirismo vengono affrontate in tre sezioni principali: “La realtà dietro il mito”, “Bram Stoker: Dracula” e  “Morire di luce: il cinema e i vampiri”. Per l’occasione viene esposta al pubblico anche l’armatura indossata da Gary Oldman – su disegno della costume designer Ishioka Eiko – eccezionalmente ricostruita dai produttori hollywoodiani dell’originale.

La collaborazione con L’Uomo Vogue permette, inoltre, di scoprire una selezione di riferimenti fashion al mondo degli un-deads attraverso le immagini di brand che hanno adottato lo stile dei vampiri divenendo cultori del genere: da Comme des Garçons, a John Galliano, da Alexander McQueen a Rick Owens fino alla recente interpretazione di Prada. Un racconto per immagini delle dimore e dei luoghi frequentati dal re della notte, con una riflessione sul ruolo di Dracula come “costruttore di città” firmata dall’architetto Italo Rota. Completa il percorso dell’esposizione uno speciale omaggio dedicato a Guido Crepax.
Infine un’iniziativa di profondo valore è quella promossa insieme all’Avis, che farà conoscere le sue attività e sensibilizzerà il pubblico sui valori del dono e della solidarietà.

Cosa: Dracula e il mito dei vampiri

Quando: fino al 24 marzo 2013

Dove: Triennale di Milano – Viale Alemagna, 6 – 20121 Milano

A cura di Federica Giuliani

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.