New York: l’arte della moda in mostra con Shoe Obsessed

Una Grande Mela da assaggiare morso dopo morso la New York messa in scena dalla mostra Shoe Obsessed. Presentata presso il Museo Fit di New York, l’esposizione Shoe Obsessed sarà aperta al pubblico fino al 13 aprile 2013.

Fit, ovvero The most fashionable museum in New York City, celebra la scarpa, oggetto di moda e feticcio intramontabile: modelli eccentrici e definizioni proprie di un design volubile e altamente ricercato per un’immersione totale nel mondo fashion.
Dalle indimenticabili Manolo Blahnik calzate da una Carrie Bradshaw in corsa per la metropoli nell’aroma così tipicamente anni Novanta di Sex and the City, che ha fatto sognare milioni di donne, alle grandi icone Prada, Valentino e Louboutin. Non potevano mancare creazioni come le Flutterby Shoes di Alberto Guardianim, perché in fondo le scarpe rimangono il mitodi una scarpetta di cristallo capace di emanare il sontuoso fascino di una bellezza da cogliere al volo, regine di cuori per una lunga notte di eleganza e follia.

Grande spazio dedicato a Salvatore Ferragamo, Balenciaga, mentre la shoe designer Masaya Kushino stupisce con la tomaia ricoperta di capelli umani e Lady Gaga, con le Lady Pointe shoes del giapponese Noritaka Tatehana, sfiora il brivido dei 45 centimetri lasciando assaporare la vertigine dell’instabilità.
Giochi di camouflage per Invisible shoe di Andreia Chaves, ricoperte di specchi: estremità e estremo di un territorio d’arte che mai quanto a New York mescola abilmente establishment e ingovernabile desiderio di trasformazione.

Shoe Obsession, che potrete visitare fino al 13 aprile prossimo, stuzzicherà anche chi non mastica il territorio della moda con 150 esempi di stile in una riflessione su ciò che la moda è stata e rappresenta oggi nella nostra società. Una moda drammaticamente vicina alla contemporaneità, superba e splendida abitante di un confine friabile che vive tra artigianato e ispirazioni d’arte proiettate verso un futuro tutto da immaginare.

Maddalena De Bernardi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.