St.Moritz: ora il lusso è accessibile

Ricetta per il Maluns
Tempo di cottura 30-40 minuti

800 g. di patate, 1 uovo intero, 300 g di farina bianca, 1 presa di sale, 1 punta di coltello di noce moscata in polvere, 250 g di burro.

Dopo aver cotto le patate in una pentola sbucciarle e grattugiarle con la grattugia per i “Rosti”. Aggiungere alle patate l’uovo, la farina, sale e la noce moscata in polvere. Amalgamare il tutto. Dividere la massa in due parti uguali. Arrostirla nel burro in una padella antiaderente, rimestando di continuo e aggiungendo via via il burro facendo in modo che la massa si trasformi in grumi colore biondo oro.

Alle porte di St. Moritz c’è la vicina Pontresina, puro aroma d’alta montagna, dalle atmosfere romantiche e al riparo dai venti. È un luogo di pace, di gioie invernali e delizie del palato. Pontresina è un pittoresco villaggio che ha saputo conservare lo charme degli antichi borghi engadinesi, con il confort e il dinamismo delle stazioni sciistiche invernali, moltiplicate dalle opportunità offerte dalla più famosa vicina. L’Hotel Schloss è un imponente castello fortezza di fine ottocento, completamente restaurato. Dalle sue vetrate si ammira un magnifico panorama sull’Alta Engadina e sulla catena del Bernina. L’hotel sorprende per gli ampi spazi e l’ospitalità attenta e cordiale. Curato e accattivante è il centro wellness, che si dipana in 750 mq di benessere dove è possibile intraprendere un “viaggio” tra Oriente e Occidente, con proposte all’insegna del relax e della rémise en forme. A disposizione degli ospiti calidarium, bagno mediterraneo, biosauna, sauna finlandese, frigidarium, wasser paradise, doccia fredda ed una piscina coperta completamente rinnovata con le grandi vetrate affacciate sulla Val Roseg.

Riflettori puntati sulle piste da sci, anche per il concerto di Davide Van de Sfroos, lo special guest della Snow Night di venerdì 15 marzo che, con la sua musica, riscalderà l’atmosfera nel comprensorio sciistico del Corvatsch – Furtschellas. Il celebre cantautore comasco, che con le sue canzoni dialettali e le sue note ricche di poesia ha conquistato un vasto pubblico di fedelissimi, si esibirà in una delle cornici innevate più belle d’Europa, per regalare ai suoi fan e agli sciatori della Snow Night una nottata davvero indimenticabile. Il concerto avrà inizio alle ore 22.30 e si terrà presso il ristorante della stazione intermedia Murtél, a quota 2.700 metri, raggiungibile con la funivia dalla stazione Surlej. Ma l’appuntamento con il divertimento inizierà molto prima, dalle ore 19.00, con l’apertura della pista ad illuminazione artificiale più lunga di tutta la Svizzera (4,2 km) e continuerà anche dopo il concerto, fino alle 2.00 di notte, orario di chiusura degli impianti. Il concerto è gratuito, si accede acquistando lo skipass della Snow Night al prezzo di 25 franchi svizzeri (20 euro circa).

Testo di Silvana Benedetti © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto Hotel

Info utili

Come arrivare: in auto – da Milano direzione Lecco Chiavenna – Passo Maloja St. Moritz. In aereo – aereoporto di Milano 210 Km; Zurigo 200 Km. In treno – Milano>Tirano, quindi trenino Bernina Express per St. Moritz; oppure stazione di Chiavenna con pullman per St. Moritz.

Indirizzi e link utili:

  • Pacchetti offerte Hotel Reine Victoria e Hotel Schloss: www.th-resorts.com – Tel. 049 2956414
  • Concerto Davide Van de Sfroos: www.corvatsch.ch
  • Ufficio Turismo St.Moritz Engadin

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.