Mostre a Milano | Fotografia e giornalismo: fino al 2 giugno 2013

Tra le mostre a Milano vi segnaliamo la World Press Photo – fotografia e giornalismo, che sarà visitabile dal 5 maggio al 2 giugno 2013.


Dal 1955 una giuria di esperti sceglie tra le immagini inviate alla World Press Photo Foundation di Amsterdam le migliori dell’anno, rappresentando uno dei più importanti riconoscimenti in ambito fotogiornalistico. Le foto vincitrici vengono normalmente pubblicate in un prestigioso catalogo, ma da quest’anno sono previste mostre in circa 100 città in 45 diversi Paesi: un’occasione unica per vedere le foto più belle e rappresentative che hanno documentato e illustrato gli avvenimenti di questo ultimo anno sui giornali di tutto il mondo.

Saranno esposte le fotografie premiate nelle 9 categorie tematiche in un tour mondiale, con l’unico vincolo che tutte le immagini selezionate vengano esposte senza alcuna censura. A questo scopo un rappresentante della World Press Photo Foundation viene inviato nei Paesi che ospitano l’evento per assistere al montaggio della mostra e verificare che tutte le fotografie siano esposte al pubblico.

Cosa: World Press Photo

Dove: Galleria Carla Sozzani | Corso Como 10, Milano

Quando: dal 5 maggio al 2 giugno 2013

Orario: martedì, venerdì, sabato e domenica, ore 10.30 – 19.30 | mercoledì e giovedì, ore 10.30 – 21.00 | lunedì, ore 15.30 – 19.30

A cura di Federica Giuliani

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.