Arte: a Otranto mostra Giorgio de Chirico – Mistero e poesia

Fino al 29 settembre il Castello Aragonese di Otranto, nella provincia di Lecce, ospiterà la mostra Giorgio de Chirico – Mistero e poesia, dedicata al celebre artista. Un appuntamento imperdibile per chi si trovi in vacanza al mare in Puglia.

La mostra sarà occasione per penetrare nell’arte del Novecento, visitando il meraviglioso contesto del Castello Aragonese, un gioiello da scoprire tra le strette vie e il panorama dipinto nell’azzurro. Dal 2010 Otranto è stato riconosciuto Patrimonio Culturale Unesco quale Sito Messaggero di Pace e fa parte de I borghi più belli d’Italia.
L’esposizione Giorgio de Chirico – Mistero e poesia, curata da Franco Calarota, continua a esplorare il tessuto creativo del grande secolo Novecento dopo aver dato spazio a grandi nomi, quali Joan Mirò, Pablo Picasso, Salvador Dalì e Andy Warhol. L’evento giunge, infatti, al suo quinto anno consecutivo presso l’antico maniero idruntino, che negli anni scorsi ha assistito all’arrivo di oltre 200mila visitatori per le mostre di Joan Mirò, Pablo Picasso, Salvador Dalì e Andy Warhol. In questa occasione le sale del Castello Aragonese ospiteranno undici dipinti a olio, tre sculture e oltre trenta tra disegni, acquarelli e grafiche, prestito da parte della Galleria d’Arte Maggiore di Bologna.

Giorgio de Chirico, nato a Volos il 10 luglio 1888 e scomparso a Roma il 20 novembre 1978, ha influenzato generazioni di artisti mescolando architettura, arte, filosofia e psicanalisi in una trasformazione radicale. La selezione di opere, che indaga dipinti a olio, scultura, grafica, disegno e acquerelli, prestito dalla Galleria d’Arte Maggiore di Bologna, illustra un percorso che intende avvalersi di materiali differenti per spiegare il tratto d’ispirazione del geniale interprete.
L’esposizione monografica attraverserà diverse fasi dell’artista, delineando le tracce stilistiche del suo lavoro, dal recupero della tradizione classica all’intreccio di codici e linguaggi nell’universo di un’arte figurativa che si stacca dai precedenti per delineare un presente nuovo.

Nell’inquietudine di una figura umana che si smembra e percorre architetture esanimi di città abitate dal vuoto, si staglia lo scenario di un dopoguerra capace di ridisegnare il già noto: enigmatici tratti senza volto nel segno di un universo mitologico che è totale riscrittura del reale.
«Senza la scoperta del passato, non è possibile la scoperta del presente», aveva scritto Giorgio de Chirico. E mai quanto nella bellezza del Castello Aragonese questa frase risuona, forte e vibrante, fra le antiche mura.
Mercoledì 10 luglio, giornata di commemorazione dei 125 anni dalla nascita di de Chirico, sarà proposta la proiezione integrale di Visioni Mediterranee (appunti per una Metafisica a Sud, gioco-studio su Giorgio de Chirico e la Magna Grecia), di Chiara Idrusa Scrimieri, percorso tra docufilm e videoarte, viaggio di lettura metafisica applicata al paesaggio sensibile della Magna Grecia, che inaugura una collettiva di giovani artisti pugliesi.

Info mostra Giorgio de Chirico – Mistero e poesia
La mostra è aperta tutti i giorni presso il Castello Aragonese di Otranto.
Orari: giugno e settembre 10-21; luglio e agosto 10-24.
Biglietto d’ingresso: intero 7,00 euro; ridotto 4,00 euro (6-14 anni, oltre 65 anni, scolaresche, diversamente abili e relativi accompagnatori, gruppi superiori a 20 unità, convenzioni attive). Per i titolari di Otranto Card 6,00 euro.
Audioguida: singola 4,00 euro; doppia 6,00 euro. Disponibile visita guidata di gruppo su prenotazione (in italiano, inglese o francese)
Prenotazioni: 199.151.123 callcenter@sistemamuseo.it

Maddalena De Bernardi © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.