Estate a Torino: al Museo del Cinema con la famiglia

Un’estate a Torino con la famiglia può essere un’occasione per partecipare al laboratorio Viaggio attraverso l’impossibile ideato in occasione della mostra dedicata a Martin Scorsese. Fino al 15 settembre 2013 il Museo del Cinema invita a scoprire le magie cinematografiche di Georges Méliès, inventore dei primi effetti speciali e precursore del cinema fantastico a cui Scorsese ha reso omaggio nella pellicola del 2001 Hugo Cabret. Dopo i fratelli Lumiere, Méliès è considerato il padre del cinema per l’introduzione di innovative tecniche narrative e cinematografiche, come il montaggio. Lo scopo dei suoi film, che comunque prevedevano una trama, era quello di fare spettacolo attraverso sorprendenti giochi di prestigio.

Lasciatevi quindi ammaliare dagli incredibili trucchi ed effetti visivi che vi permetteranno di trasformare l’impossibile in possibile.

Durata del laboratorio: 1h30’.

Costo attività:  € 3,50 a persona (gratuito fino a 5 anni).

Ingresso al Museo: adulti ridotto € 7,00 a persona; gratuito fino a 18 anni per i ragazzi accompagnati dai genitori.

Prenotazione obbligatoria con almeno tre giorni di anticipo al numero 011.8138.564/5 (lun-ven 9-18). Il percorso sarà attivato per un numero minimo di 15 partecipanti paganti. Attività consigliata a partire dai 6 anni.

A cura di Federica Giuliani | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.