Portogallo. Surf camp di onde e amicizia



Avete in mente di fare un viaggio diverso dal solito, a base di mare e sport, a stretto contatto con la natura e che sia molto più che una semplice vacanza? Il surf camp fa al caso vostro. Per il vostro battesimo da surfisti il Portogallo è un’ottima meta poiché vanta spiagge mozzafiato, offre onde per tutti i gusti, non richiede una valuta diversa da quella italiana né il passaporto e ha un fuso orario più che accettabile (solo un’ora di differenza rispetto al nostro Paese); inoltre è facilmente raggiungibile e la lingua non è un problema perché se siete in difficoltà con l’inglese verrete comunque capiti anche se utilizzate qualche parola italiana.

Tra le numerosissime destinazioni da surf presenti in terra portoghese spicca Peniche con le sue immancabili onde, la sua costa incantevole e un ambiente preservato dall’inquinamento. Per quanto riguarda invece la scelta del surf camp, uno dei più apprezzati è senza dubbio il Baleal Surf Camp situato a Baleal, piccola penisola a nord di Peniche raggiungibile tramite bus (in un’ora e mezza) dall’aeroporto di Lisbona. Qui si pratica il surf tutto l’anno, quindi in base al vostro livello e alle vostre esigenze potrete decidere liberamente quando partire (se siete principianti è meglio il periodo che va da maggio a ottobre, se invece siete un minimo pratici della tavola potete sfidare anche le onde autunnali e invernali). Questo surf camp propone un ottimo rapporto qualità/prezzo, una location suggestiva, bellissime strutture messe a disposizione della clientela, alloggi confortevoli, svariati servizi extra (lezioni di yoga, massaggi, gite ed escursioni, noleggio biciclette) e – ciò che fa davvero la differenza – un personale estremamente cordiale e pronto a soddisfare i bisogni dei guest, dal surfista più esperto a quello che non è mai salito su una tavola. In questo piacevole contesto conoscerete persone di tutte le età e provenienti da tutto il mondo, dunque l’arricchimento personale è garantito e potrete condividere con tanti nuovi amici le emozioni di questa particolarissima vacanza (anche se definirla in questo modo è riduttivo).

Relativamente al surf vero e proprio, sarete seguiti da surfisti preparati e appassionati che non mancheranno di fornirvi lezioni teoriche – precedenze in acqua, correnti oceaniche, tipi di onde, meteo, venti, ecc. – oltre che pratiche. La cordialità degli istruttori di Baleal Surf Camp è risaputa tanto quanto le loro skills. Se siete dei beginner nel giro di qualche giorno sarete in grado di cavalcare qualche onda e acquisirete una grande confidenza con l’oceano; se invece non partite da zero inizierete a padroneggiare la tavola e ad assaporare la sensazione unica di domare un’onda che solo il surf sa regalare. Al di là delle surfate quotidiane, avrete una spiaggia sconfinata a vostra disposizione per la tintarella e per lunghe camminate sul bagnasciuga (è possibile arrivare a piedi fino a Peniche), ma la vera sorpresa sono i tramonti mozzafiato portoghesi.

Baleal Beach è solo una delle numerose perle del distretto di Leiria: tramite gite organizzate dal surf camp – o anche autonomamente – assicuratevi di visitare Obidòs, suggestiva cittadella medievale, e le isole Berlengas, incantevole arcipelago indicato come patrimonio mondiale dall’UNESCO. Doverosa anche un’esplorazione del territorio di Peniche, i cui surf spot sono considerati tra i migliori in Europa (Supertubos accoglie ogni anno l’ASP World Tour e i surfisti professionisti più famosi al mondo). Interessante anche la visita alla surf factory “Fatum”, dove scoprirete step by step come viene costruita una tavola. Il rischio di trascorrere anche solo una settimana in un surf camp e è quello di non voler più tornare a casa perché con ogni probabilità non solo vi appassionerete al surf, ma vi abituerete anche ad avere le onde tutto il giorno tutti i giorni e a non più di 5 minuti dalla surf house dove alloggerete, e non da ultimo non vorrete più separarvi dalla vostra nuova “famiglia internazionale”.

Testo di Alessandra Sorgato | Foto di Alessandra Sorgato, Roger Williams, Baleal Surf Camp

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.