Vallese: il Cantone a misura di bambino

“Non è un paese per vecchi”, dichiara mio figlio Claudio, 10 anni, al quale ho chiesto di pensare a un incipit  per quest’articoletto. Agli occhi di chi nulla sa ancora di banche e finanza, bond e corporate governance, la Svizzera è innanzitutto una nazione a misura di bambino, un reame alpino dei divertimenti, una terra dei balocchi in mezzo a montagne spruzzate di neve, ghiacciai candidi, laghetti cristallini e mandrie di mucche col campanaccio.

Saas Fee è un villaggio a 1800 metri d’altezza tra i panorami da cartolina del Vallese, il più appartato dei Cantoni. Ribattezzato “Libera Repubblica delle Vacanze”, banditi traffico e motori, è diventato un paesino alla Heidi rannicchiato tra i vecchi fienili walser di legno e tronchi. Con la funivia si sale al Kreuzboden, terrazza con vista a 360° sulle cime delle Alpi; qui c’è Hohsi Land, parco tematico in quota la cui attrazione principale è il ponte sospeso di legno e corda lungo 60 metri, da attraversare non senza qualche brivido mentre ondeggia a mo’ di altalena sulla vallata a strapiombo. Per i più spericolati ecco il Feeblitz, carambolico ottovolante sospeso a dieci metri dal suolo.

Per i giochi acquatici ci spostiamo invece a Leukerbad, il più vasto bacino termale d’Europa, dove una fantasmagoria di giochi d’acqua e un caleidoscopio di scivoli, tubi e serpentine sospese attendono i bambini. Per i genitori, serate rilassanti di cinema in piscina o il percorso di Aqua Mystica, tra effetti di luce e di vapori fino alle 23. Sullo sfondo domina il profilo maestoso del monte Torrent: con la nuova funivia si può arrivare fino al passo Gemmi e da lì iniziare la passeggiata verso il Daubensee, lungo gli ancora aperti sentieri della transumanza alpina. Le pecore vi s’inerpicano zigzagando fino alle sponde del lago, dove il prossimo 28 luglio – l’ultima domenica del mese – si celebra la festa dei pastori, che come ogni anno si danno convegno qui assieme ai loro greggi.

Testo di Emanuela De Santis © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.