Slovenia: tutti in marcia sul Triglav

Si dice che non si è un vero sloveno se non si è saliti almeno una volta sul monte Triglav. Ecco perché si incontra così tanta gente sui sentieri che lo scalano. Simbolo del Paese, questa triplice vetta alta 2864 metri, da oltre un millennio è fonte di ispirazione e di devozione per gli sloveni. La tradizione del pellegrinaggio nacque all’epoca degli Asburgo nel XIX secolo, dopo che il monte venne scalato la prima volta a fine 1700 da un alpinista austriaco, ed è rimasta come rito per rafforzare l’identità nazionale. Arrivare in vetta, però, non è per niente semplice: inaccessibile da metà ottobre a metà giugno, il monte è molto ripido, specialmente nell’ultimo tratto, dove anche gli scalatori più esperti devono prestare attenzione. Per chi riesce ad arrivare fino in cima, però, la vista sulle montagne, le valli e i pascoli intorno sarà impagabile e dopo tanta fatica si potrà dire con orgoglio di essere veri sloveni, danes sem slovenec (oggi sono uno sloveno).

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.