Arte a Torino| Doppio Sogno: itinerario reale tra scultura e pittura

Doppio Sogno è il titolo del nuovissimo itinerario nel Polo Reale di Torino. Una mostra che, fino al 9 marzo 2014, indaga immagini opposte ma al tempo stesso complementari: pittura e scultura, interno ed esterno, modernità e arte classica, immagini e parole.

La prima parte del percorso, quello dedicato alla scultura, è già stato inaugurato e prevede una passeggiata all’aperto tra installazioni monumentali o di grandi dimensioni. Le figure femminili sono interpretate da Francesco Messina, Giuliano Vangi e Giuseppe Bergomi, allestite nel cortile di Palazzo Chiablese, nella Sala degli Svizzeri di Palazzo Reale e nel cortile di Palazzo Reale. Presenti anche soggetti d’ispirazione mitologica, come il Teseo Screpolato di Mitoraj e l’Ulisse di Manzù, o a tema biblico rappresentati da Fuga da Sodoma di Antonietta Raphaël Mafai. Monumentali le opere di Giuseppe Maraniello e Marino Marini, le sculture di Augusto Perez – Crepuscolo e Crocifisso di Apollo del Belvedere – e le Black Hands di Patrizia Maïmouna Guerresi, collocate in Piazzetta Reale.

Di ispirazione contemporanea sono invece i soggetti scelti dal canadese Wiliam Hadd McElcheran, con l’installazione Businnessman lungo lo Scalone di Palazzo Chiablese. Velasco Vitali presenta il Branco, allestito nell’area del Teatro Romano del Museo Archeologico, mentre un assemblaggio di strumenti a fiato è proposto nell’opera di Arman, Flon Flon, 1990 disposto lungo i portici di Palazzo Reale.

La seconda parte della mostra, dedicata alla pittura, verrà inaugurata l’11 dicembre nei nuovi spazi espositivi di Palazzo Chiablese (ingresso da Piazzetta Reale), vero gioiello di Torino.

Link: ContemporaryArt Torino

A cura di Federica Giuliani | Foto di Ernani Orcorte

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.