Verso Monet a Verona: in mostra l’arte del paesaggio



Il Palazzo della Gran Guardia di Verona ospita Verso Monet, Il Paesaggio dal Seicento al Novecento: la mostra andrà in scena fino al 9 febbraio 2014, seguendo l’evoluzione di artisti cardine della storia dell’arte.

Cinque le sezioni presentate nel corso della mostra, da Il Seicento, il vero e il falso della natura, Il Settecento, l’età della veduta, per proseguire attraverso i capolavori dei vedutisti veneziani, Il paesaggio romantico ottocentesco, L’Impressionismo e il paesaggio, fino a Monet e la nuova idea di natura.
Un paesaggio progressivamente protagonista assoluto di una ricerca artistica che attraversa le forme della natura per compenetrarne l’intima essenza, in un rapporto tra uomo e universo come analisi e dialogo sul senso della vita stessa.
Da scenografia e sfondo a soggetto autonomo di narrazione, il paesaggio si muove dall’intento a riprodurre il senso realistico del dettaglio, seicentesco e settecentesco, al coraggio per un colore che osa sfumature prima mai contemplate, quale sarà la lezione impressionista.
Fino a Monet, il cui paesaggio diventa esperienza interiore e viaggio nell’anima.
Oltre 90 le opere esposte, alcune delle quali in prestito da celebri istituzioni museali statunitensi: più di 20 le tele appartenenti a Claude Monet, insieme alle opere di Canaletto, Rembrandt, Turner, Renoir, Sisley, Degas, Pissarro, Manet, Gaugin, Cezanne e Van Gogh.

Verso Monet Il Paesaggio dal Seicento al Novecento
Mostra a Verona presso il Palazzo della Gran Guardia
Per prenotare i biglietti e la visita guidata alla mostra è possibile contattare il numero 0422 429999
Fino al 9 febbraio 2014
Da lunedì a giovedì dalle ore 9 alle 19, venerdì e domenica dalle ore 9 alle ore 20.
Biglietto intero 12 euro, ridotto 9 euro (studenti universitari fino a 26 anni e ultrasessanticinquenni), ridotto 6 euro (minorenni 6-17 anni).

Maddalena De Bernardi © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.