SetUp: a Bologna la fiera d’arte contemporanea under 35

Torna, forte di novità e nuove impressioni, SetUp, la fiera d’arte contemporanea indipendente di Bologna dedicata e creata grazie ai protagonisti giovani della mondo della cultura.

Giunta alla seconda edizione, Setup 2014 avrà luogo dal 23 al 26 gennaio 2014 in concomitanza di ArteFiera, presente presso BolognaFiere dal 23 al 27 gennaio 2014, la quale dedicherà una Special Focus Section curata da Marco Scotini ai Paesi dell’Europa Orientale, un’area geografica sempre più importante, che registra economie emergenti capaci di dare grosso slancio al mercato dell’arte, oltre a possedere un ruolo importante sulla scena culturale.
La Fiera d’Arte Contemporanea Indipendente SetUp, organizzata e promossa dalle critiche d’arte e curatrici Simona Gavioli e Alice Zannoni, quest’anno è alla sua seconda edizione dopo un brillante inizio, in occasione del quale ha visto l’arrivo di oltre 1800 visitatori. Location dell’evento l’autostazione di Bologna, che grazie all’ampia disponibilità di spazio, permetterà di accogliere gallerie, eventi culturali e personalità creative.
Il format riconferma il progetto curatoriale di gallerie che presentano giovani artisti under 35. Non mancherà, con identico concept e nuove presenze, Il Ricreatorio, spazio che desidera sviluppare l’interazione sociale attraverso l’arte, quest’anno con un’istallazione inedita di Nino Migliori, Andrea Bianconi e le carte da gioco degli Ori Editori.
Un luogo vivo e al tempo virtuale, uno spazio dove immaginare, creare, mostrare.

Info SetUp 2014 II edizione
Autostazione di Bologna
Piazzale XX Settembre, 6
Dal 23 al 26 gennaio 2014
Orari: 24 e 25 gennaio dalle ore 17 a 1.00; 26 gennaio: dalle ore 14 alle 22
Ingresso: 3.00 euro
É possibile consultare il sito ufficiale e la pagina Facebook relativa.

Maddalena De Bernardi © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.