10 cose da fare a Pechino: templi e kung fu

Pechino è una città dai mille contrasti, dai vecchi quartieri tradizionali alle moderne vie dello shopping, dai templi più sontuosi al villaggio olimpico. Ecco 10 mosse per scoprirla.

1. Percorrere in lungo e in largo la famosa e gigantesca Piazza Tienanmen, il simbolo del potere comunista sul Paese e teatro della sanguinosa protesta del 1989.

2. Sognare la vecchia Pechino passeggiando o pedalando tra gli hutong, la fitta rete di vicoli che attraversano la città.

3. Entrare nella Città Proibita, un enorme agglomerato di palazzi fatti costruire in sei secoli dalle dinastie imperiali cinesi.

4. Ammirare la splendida vista sul lago Kunming dalle sale del Palazzo d’Estate, l’antica residenza estiva della famiglia imperiale.

5. Mangiare un piatto di anatra arrosto alla pechinese.

6. Vedere uno spettacolo di kung fu.

7. Passare in rassegna i più importanti templi della città, il Tempio dei Lama, il Tempio di Confucio, il Tempio del Cielo, il Tempio del Paradiso, il Tempio della Nuvola Bianca.

8. Nebbia permettendo, fare una foto al profilo dello stadio olimpico, il nido d’acciaio che ha ospitato i Giochi del 2008.

9. Sentirsi creativi nel 798 Art District, il dinamico centro dell’arte contemporanea pechinese.

10. Allontanarsi da Pechino per una gita nella zona Simatai, dove ammirare un tratto della Grande Muraglia.

A cura di Giorgia Boitano | Foto di Lucio Rossi

© RIPRODUZIONE RISERVATA LATITUDESLIFE.COM

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.