Giorno della Memoria | Itinerario lungo la via per l’Olocausto



Informazioni utili

Come arrivare: si consiglia di iniziare l’itinerario con la visita del Museo Monumento al Deportato di Carpi. Carpi è facilmente raggiungibile sia in treno (linea Modena-Mantova), sia in auto (uscita Carpi sulla A22 Modena-Brennero). Il Museo (t.059649978) si trova nel centro di Carpi, in piazza Martiri 68, al piano terra di Palazzo dei Pio. È aperto venerdì, sabato, domenica e festivi in orario 10.00 – 13.00 e 15.00 – 19.00 ad esclusione del periodo compreso tra la seconda e la quarta settimana di agosto. Aperture straordinarie con orario continuato e visite guidate gratuite in occasione del 27 gennaio (Giorno della Memoria), 25 aprile (anniversario della Liberazione), prima domenica di settembre (Giornata della Cultura ebraica), Giornate europee del patrimonio (ogni anno a settembre), Festivalfilosofia (ogni anno a settembre), Festa del Racconto (ogni anno a ottobre). L’ex Campo di Fossoli si trova in via Remesina Esterna, 32 – località Fossoli di Carpi (Modena), circa 6 km a nord di Carpi. Per informazioni sugli orari di apertura contattare la Fondazione Fossoli. Se desiderate sbirciare l’esterno di Villa Emma (si tratta di un’abitazione privata), dovete raggiungere Nonantola da Fossoli. Il modo più semplice è tornare a Carpi e da qui, lungo la SP1, tenere le indicazioni per Sorbara-Bomporto-Crevalcore. Raggiunta Bomporto, Nonantola è ben segnalata e vicina.

Dove dormire: Hotel Gabarda (Via Carlo Marx 172, Carpi; t. 059693646.

Dove mangiare: Ristorante L’oste (V. Martinelli, n.65 – 41012 Fossoli Di Carpi t. 059681260.

Link utili: Fondazione Fossoli | Fondazione Villa Emma

Da leggere: “Lettere dei condannati a morte della resistenza italiana” (Einaudi); “L’alba ci colse come un tradimento. Gli ebrei nel campo di Fossoli. 1943-1944” di Liliana G. Picciotto (Mondadori); “Villa Emma. Ragazzi ebrei in fuga 1940-1945” di Klaus Voigt (La nuova Italia).

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.