In Galizia, sulle tracce dell’uomo che scolpiva la scogliera



Informazioni utili

Come arrivare: le città più vicine al paese di Camelle sono A Coruña e Santiago de Compostela, entrambe collegate con Madrid via treno e aereo. Nonostante si possa arrivare a Camelle dalle due città in autobus, il viaggio è lungo e prevede dei cambi, quindi consigliamo di noleggiare un’auto, anche per poter esplorare le meravigliose spiagge della Galizia. Da A Coruña prendete la AC-552 in direzione Fisterra. All’altezza di Vimianzo c’è la AC-432 in direzione Camelle; da Santiago tenete le indicazioni per Bertamiráns Norte/Negreira/Ames, poi per Pragais e da qui sulla AC-441 sino a O Outeiro. Da O Outeiro si prende la AC-552 in direzione Vimianzo e infine la AC-432 verso Camelle.

Quando andare: il periodo migliore è da giugno a settembre. Portate con voi l’ombrello e un k-way.

Dove dormire: se desiderate una soluzione economica, c’è la Pension Residencia La Fe (C/Dor, 86. 15121 Ponte do Porto – Camariñas; t.981731133) a Ponte do Porto, circa 6 km da Camelle. Spostandovi verso nord a Laxe (una ventina di km) c’è più scelta. Potete optare per l’Hostal Residencia Bahía (Besugueira, 24, 15117 Laxe; t. 981728304).

Dove mangiare: attorno al porticciolo di Camelle ci sono diversi ristoranti economici. Noterete, piazzate sul lungomare, le griglie delle osterie che a ora di pranzo si riempiono di pesce fresco. Raccomandiamo di assaggiare il polpo alla gallega, che qui è un’istituzione. Potete provarlo da Chalana (Rùa Principal 2, Camelle; t. 981710512). Prima di farvi prendere dall’entusiasmo davanti al menù, ordinando tre o quattro specialità, ricordate che le porzioni sono in genere smisurate.

Fuso orario: stessa ora italiana.

Link utili: Camelle

Da fare nei dintorni: prendete la splendida strada litoranea sino al Faro di Cabo Vilán, poi proseguite verso il villaggio di pescatori di Camariñas.

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.