Maggio in Danimarca| Dal carnevale di Aalborg a Copenaghen, passando per Legoland



Se cercate qualche spunto per alcuni giorni di vacanza in primavera, magari in compagnia dei vostri figli, la Danimarca può rappresentare la meta ideale. Forse non tutti lo sanno, ma il più importante Carnevale del nord Europa si festeggia nella città di Aalborg nel mese di maggio. Quest’anno la manifestazione è prevista nella settimana che va dal 17 al 24. Arrivarci è semplice: questa città a nord della Danimarca è dotata di un buon aeroporto. Ed è anche economico raggiungerla: su Volagratis.com si trovano offerte convenienti. Muovendosi per tempo sarà possibile prenotare voli andata e ritorno ottenendo risparmi consistenti.


Ad Aarlborg il Carnevale più amato dai bambini

Ma perché vale la pena partecipare a questo Carnevale per così dire fuori stagione rispetto alle nostre abitudini? Se ogni anno migliaia e migliaia di persone decidono di esserci un motivo ci sarà. Al di là della bellezza e dell’originalità delle maschere, colpisce il grande coinvolgimento di bambini: è uno spettacolo nello spettacolo assistere alla sfilata di circa cinquemila ragazzini, accompagnati dai loro genitori.
Naturalmente sono previsti anche eventi dedicati esclusivamente agli adulti, ma una festa come questa non può che essere rivolta ai più piccoli. Al Kilde Park, in effetti, il divertimento è soprattutto dedicato a loro. Ci sono giochi, concerti e intrattenimenti di ogni genere. A chiudere la manifestazione un grande spettacolo pirotecnico. Ecco perché sempre più famiglie, anche dall’Italia, almeno una volta nella vita decidono di fare questo regalo ai propri figli.


Alla scoperta della città e della storia dei vichinghi

E poi Aalborg è una città accogliente. È bello e rilassante passeggiare nel cuore della città, dove è possibile ad esempio ammirare le tipiche abitazioni delle città nordiche o, ancora, il castello fatto realizzare nel XVI da re Cristiano III: oggi ospita uffici amministrativi. Interessanti anche le chiese, come ad esempio quelle di Budolfi e di Nostra Signora, le cui origini risalgono al XIV secolo. Mentre se volete godere di una magnifica vista sulla città, è il caso di salire sulla Torre panoramica, alta oltre cento metri. A suoi piedi c’è anche il museo della arti.

Da queste parti è naturalmente possibile saperne di più sugli usi e i costumi de vichinghi: annesso al sito archeologico di Lindholm Høje c’è anche un museo che raccoglie preziosi reperti e interessanti informazioni su questo popolo. Prima di ripartire fate anche un salto alla via dedicata al divertimento: nella popolare Jomfru Ane Gade troverete locali e ristoranti dai prezzi davvero interessanti. Oppure potrete fare un altro regalo ai vostri figli, portandoli al parco divertimenti Jumboland. In alternativa potrete proporre una visita alla Riserva naturale di Lille Vildmose Center.


Tappa a Billund, la “capitale” dei mattoncini Lego

Se poi volete rendere più movimentato il vostro soggiorno in Danimarca, allora potrete aggiungere al vostro itinerario al città di Billund. È a circa due ore d’auto da Aalborg, ma è ancora più veloce e semplice da raggiungere in aereo. Cos’ha di speciale questa località? È presto detto: ospita lo storico parco Legoland, dedicato ai famosi mattoncini che ci hanno fatto compagnia nella nostra infanzia. Pensate: ce se sono voluti circa 60 milioni per realizzarlo.

Una delle attrazioni più suggestive è rappresentata dal Miniland, ossia il mondo ricostruito proprio con i mattoncini della Lego. In questo parco divertimenti c’è davvero di tutto: i bambini possono addirittura prendere le prime lezioni di guida, oppure provare emozioni forti sulle montagne russe del castello del Re o nel sottomarino che promette avventure tra gli squali. Nella laguna dei Pirati sono all’ordine del giorno le battaglie d’acqua, mentre tra le ultime novità spicca Polar Land, la spedizione in un paesaggio popolato da pinguini in… piume e ossa.

Grazie a Legoland, Billund è uno dei paesi che – nonostante abbia appena seimila abitanti – attira il maggior numero di turisti in Danimarca. Non a caso qui c’è il secondo aeroporto più grande del Paese. È comunque gradevole passeggiare in centro o fermarsi in qualche locale. Molte persone, tuttavia, dopo aver visitato il parco divertimenti, preferiscono visitare Copenaghen, benché siano necessarie all’incirca due ore e mezza di viaggio per raggiungere la capitale. Uno dei mezzi più utilizzati è il treno, anche perché le tariffe sono convenienti, ma sul web si possono trovare anche offerte low cost per spostarsi in aereo. Una soluzione, questa, che permette di accorciare i tempi necessari per gli spostamenti.


Toccata e fuga e Copenaghen

Capitale verde europea per l’anno 2014, Copenaghen offre molte attrazioni. Che non si limitano di certo alla Sirenetta, simbolo della città. Conosciuta anche per il quartiere degli hippie, il celebre Cristiania, incanta i visitatori con i suoi edifici nel centro storico. Per scoprire la storia di questa terra è d’obbligo un salto al Museo nazionale, studiato per consentire anche ai più piccoli di conoscere la storia divertendosi.

Citare in poche righe tutte le bellezze di Copenaghen è compito arduo, perché c’è tanto da vedere, a partire dal palazzo reale di Amalienborg, fino al castello di Kronborg, a una manciata di minuti dalla capitale danese. Ma visto che questa è una vacanza dedicata soprattutto ai più piccoli, allora è il caso di ricordare che qui potrete trovare il parco divertimenti più antico del mondo.

Stiamo parlando dei Giardini di Tivoli, dove anche la natura dà spettacolo. È un punto di ritrovo per le famiglie, per manager in pausa e per i giovani in cerca di svago e relax. Giochi, concerti e mille altre attrazioni rendono questo parco semplicemente speciale.


Testo di Maria Antonietta Tortola  © RIPRODUZIONE RISERVATA    LATITUDESLIFE.COM

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.