Sudafrica | Sun City: c’era una volta Las Vegas


Informazioni utili

Informazioni: Il Sudafrica offre un particolare e coinvolgente mix tra natura, cultura e città; un’ospitalità eccellente e strutture alberghiere di ottimo livello. Èuna terra piena di storia e di vita, vibrante di forza ed energia, dove il richiamo della natura è potente, specie all’interno dei suoi grandiosi parchi naturali.

Come arrivare: Sono molte le compagnie aeree che volano quotidianamente su Johannesburg e Città del Capo: South African Airways, Lufthansa, Alitalia, Air France, Klm, Iberia, Etihad, ecc. Il volo dura dalle 8 alle 10 ore e costa da circa 600 € in su. Per Sun City occorre volare a Johannesburg e da qui proseguire in auto, bus (2 h ½ ) o con un Sun City transfer, un po’ più rapido.

Quando andare – Clima: Le stagioni sono invertite rispetto alle nostre. L’´inverno va da giugno a settembre mentre l´estate va da dicembre a marzo. L’inverno è mite e rappresenta la stagione ideale sia per tour e safari che per avvistare al largo delle coste balene australi e squali bianchi.

Dove dormire: A Sun City nell’incredibile Palace of the Lost City, della catena Sun International, che emerge come un esagerato castello fiabesco dalla vegetazione.

Dove mangiare: La cucina del Sud Africa è un mix delle influenze dei popoli che lo compongono. Stufati di carne e verdure e piatti a base di mais, ma anche prima colazione all’inglese con frutta, dolci e uova con bacon. E poi il rito del Tè alle 11am e alle 5pm servito, ovunque vi troviate, con tartine dolci e salate in perfetto stile british. Lungo le coste cibo e crostacei freschissimi a buon prezzo da innaffiare con l’ottimo vino sudafricano, la cui tradizione affonda le radici nei primi coloni.

Fuso orario: +1 rispetto all’Italia, stesso orario quando in Italia vige l’ora legale.

Documenti: Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e almeno due pagine contigue bianche. Il visto non è richiesto fino a 90 giorni di permanenza. È una norma molto rigida e inderogabile: in mancanza dei requisiti necessari i passeggeri vengono fatti rientrare con il medesimo volo con cui sono arrivati! Per soggiorni più lunghi occorre il visto d’ingresso rilasciato dall’Ambasciata del Sud Africa a Roma. Chi lascia il paese dopo la scadenza del visto, è soggetto ad ammende e pene detentive.

Patente: occorre la patente internazionale dato che quella italiana non riporta diciture in inglese.

Vaccini: Non è richiesta alcuna particolare vaccinazione. Consigliata, a chi si reca nell’area di Nord-Est (parte del Mpumalanga/Limpopo, Parco Kruger, Swaziland e parte del KwaZulu-Natal) la profilassi antimalarica, soprattutto durante il periodo delle piogge. Per chi proviene da aree in cui la febbre gialla è endemica è richiesto il certificato di vaccinazione. In Sud Africa le cliniche private non erogano alcuna prestazione sanitaria senza il pagamento anticipato di un deposito, che talvolta può essere molto elevato, a meno che non esista tra la struttura sanitaria e la compagnia assicuratrice una convenzione che consenta di evitarlo. Controllare al momento della eventuale stipula di un’assicurazione prima della partenza.

Lingua: Le lingue ufficiali sono 11, tra cui l’afrikaans e naturalmente l’inglese che, anche se è la lingua madre solo per una minoranza, è conosciuto praticamente da tutti.

Religione: Le religioni più diffuse sono quelle cristiane: protestantesimo della chiesa riformata sudafricana (35%), cattolicesimo (10%); anglicanesimo (10%). Gli animisti sono il 12%. Poi metodismo, luteranesimo, testimoni di Geova e pochi induisti islamici ed ebrei.

Valuta: La moneta locale è il Rand (1 € = circa 12.00 Rand). I Rand rimasti si possono riconvertire in aeroporto, prima della partenza, con la ricevuta del cambio effettuato all’arrivo. Una volta rientrati in Italia, non è possibile cambiare i Rand rimasti. Le carte di credito sono accettate ovunque (non electron), anche nei distributori di benzina (tranne in alcuni centri minori). La maggior parte delle banche effettua l’orario 9.00-15.30 dal lunedì al venerdì. Sabato solo la mattina dalle 08.30 alle 11.00. Negli aeroporti le banche restano aperte fino alle 22.00. Si possono prelevare contanti con bancomat e PIN in qualsiasi sportello elettronico del paese. Attenzione alle commissioni.

Rimborso IVA: data la possibilità di acquisti importanti (pietre e gioielli) conviene conoscere le regole per il rimborso dell’IVA. Tutte le volte che si effettua un acquisto va chiesta la ricevuta fiscale. In aeroporto, prima della partenza, la si presenta all’ufficio Tax Refund insieme alla merce acquistata (quindi non infilata in valigia), oppure bisogna passare al Tax Refund prima del check in. Dopo che la ricevuta fiscale è stata timbrata si ottiene un assegno nella valuta che si desidera, da cambiare allo sportello bancario all’interno dell’area partenze. Attenzione: le code in aeroporto per il rimborso IVA possono essere lunghe quindi è bene presentarsi con il dovuto anticipo.

Elettricità: La corrente elettrica in Sud Africa è 220/230 50Hz. Le spine sono di tipo tripolare, necessarioi un adattatore universale.

Telefono: I telefoni cellulari italiani funzionano. I costi sono contenuti. Un’alternativa è il noleggio di un cellulare all’arrivo in aeroporto con una scheda per i pagamento delle telefonate effettuate. Per chiamare in Sud Africa il prefisso è 0027 dal Sud Africa all’Italia 0039.

Abbigliamento: In estate (inverno in Italia) un abbigliamento leggero e sportivo; in inverno (estate in Italia) giacconi di medio peso e golf per la sera. Alcuni ristoranti e locali richiedono l’uso della giacca e della cravatta.

Per i safari nelle riserve e nei parchi un abbigliamento comodo dai colori il più possibile neutri (beige, marrone chiaro e kaki per confondersi con i colori dell’ambiente circostante). Per le escursioni notturne occorrono golf e giacche a vento. Le calzature devono essere comode e possibilmente alte: gli scarponcini da trekking sono consigliati se si prevede di passeggiare nel bush. Da evitare sandali e scarpe aperte. Se ci si ferma in una riserva per la notte, indossare pantaloni e maglie a maniche lunghe per prevenire punture di insetti. Se ci si reca nella zona dell’Altopiano (High Veld) il clima è più secco e l’escursione termica tra giorno e notte maggiore.

Shopping: Articoli artistici e artigianali africani di varia qualità e prezzo. Oggetti in lana, tessuti, cesti, sculture in legno e articoli in pelle. Altri prodotti diffusamente acquistati sono i minerali, le pietre dure e i gioielli. Da ricordare che l’Italia proibisce l’importazione di oggetti di avorio e di molti altri articoli realizzati con pelli di animali. L’orario dei negozi è dalle 09.00 alle 17.00 dal lunedì al venerdì e solo la mattina il sabato. I centri commerciali sono aperti 7 giorni su 7 dalle 10.00 alle 22.00

Suggerimenti: Da non perdere un safari fotografico nel parco Kruger o in una delle molte riserve private dove avrete occasione di avvistare i famosi Big Five: elefante , leone, rinoceronte, leopardo e bufalo. Oltre a Sun City dedicate un paio di giorni all’esplorazione di Cape Town e della sua penisola.

Attività: Safari a dorso d’elefante; Safari in mongolfiera; Safari notturni e percorsi a piedi nel parco

Link utili: Consolato Generale del Sudafrica a Milano; Ambasciata Sudafrica; Parco nazionale del Pilanesberg;

Sfoglia il magazine

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.