Milano | Fa’ la Cosa Giusta!



Dalle ultime tecnologie applicate all’autoproduzione fino alla riscoperta delle antiche tradizioni culinarie: innovazioni, laboratori e prodotti per vivere la quotidianità in modo più leggero per sé e per l’ambiente.

Oggi 28/3 apre a Milano presso Fieramilanocity Fa’ la cosa giusta! undicesima edizione della fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, che si protrarrà fino al 30/3.

Sarà articolata in 12 sezioni tematiche che spazieranno dall’alimentazione biologica alla moda etica, dalla mobilità elettrica, alle nuove tecnologie applicate alla sostenibilità e alle attività creative per bimbi e famiglie.

Facendo stretto riferimento al prossimo EXPO, uno dei temi principali sarà quello dell’alimentazione sostenibile, della lotta agli sprechi alimentari e della riscoperta dei prodotti della tradizione popolare.

Gli oltre 140 espositori della sezione Mangia come parli, presenteranno prodotti da agricoltura biologica e biodinamica, a filiera corta, frutta, verdura e grani antichi.

La “Locanda di Fa’ la cosa giusta!” proporrà agli amanti della tradizione culinaria popolare mostre, lezioni di cucina, degustazioni, laboratori e incontri, partendo dagli ingredienti semplici ed economici usati dai nostri nonni. Una sezione sarà dedicata a ricette originali per il riutilizzo degli avanzi in gustosi manicaretti. Sarà anche possibile assaggiare sfiziosi piatti “cotti al momento” nell’area street food.

Molti saranno i laboratori di cucina in cui poter imparare a cucinare piatti insoliti: crudisti, vegani e vegetariani, ma anche imparare a “tessere la pasta”, a produrre la birra in casa oppure a trasformare gli avanzi del giorno prima in gustose ricette.

Una sezione sarà dedicata alle degustazioni di cibi da tutto il mondo.

All’innovazione dal basso e agli artigiani digitali sarà dedicata l’area Green Makers un luogo d’incontro per designer, inventori e autoproduttori in cui professionisti e semplici appassionati potranno scambiarsi idee, condividere progetti, provare macchine all’avanguardia, come stampanti 3D, sistemi di mappatura e nuove app di servizio.

I futuri sposi avranno a disposizione lo Spazio Eco Wedding per organizzare un matrimonio, dalla A alla Z, che rispetti ambiente ed economie locali senza rinunciare a bellezza e originalità. I matrimoni eco-friendly sono caratterizzati da scelte sostenibili per sé, per l’ambiente e per il prossimo: location e catering per banchetti e rinfreschi, abiti da cerimonia, viaggi di nozze, fedi e servizi fotografici

Il Brasile si conferma Paese Ospite di Fa’ la cosa giusta!, grazie alla presenza e al sostegno di SESI – Serviço Social da Indústria – organizzazione parastatale brasiliana che promuove servizi sociali rivolti ai lavoratori dell’industria e ai loro familiari e che presenterà Don’t look away!, campagna di sensibilizzazione contro lo sfruttamento sessuale minorile in occasione dei prossimi Mondiali di calcio, di cui sono testimonial il calciatore Kaká e il fondatore della band I Nomadi, Beppe Carletti.

Il progetto di cucina contro gli sprechi Cozinha Brazil, proporrà laboratori di cucina con le parti “di scarto” degli alimenti, per imparare a preparare ottimi piatti, anche per chi soffre di patologie croniche come diabete, ipertensione, obesità e ipercolesterolemia.

Sprigioniamoci! – Economia carceraria – è uno spazio rivisitato e dedicato alle cooperative e associazioni di promozione culturale che operano dietro le sbarre. Storie di eccellenze e di creatività, da nord a sud Italia: tra cui la Cooperativa Sociale Divieto di Sosta, del carcere di Verbania, con i deliziosi dolci della Banda Biscotti, la cooperativa sociale Rio Terà dei pensieri -che lavora con i detenuti degli istituti penitenziari veneziani- e proporrà cosmetici biologici, borse e accessori in materiale riciclato con l’ironico marchio Malefatte. La Cooperativa Lazzarelle produce caffè grazie al lavoro delle detenute della Casa Circondariale di Pozzuoli.

I più creativi si potranno cimentare in laboratori di autoproduzione per realizzare oggetti d’arredo recuperando bottiglie di vetro, oppure creare accessori e capi d’abbigliamento a partire da tessuti e materiale di recupero.

I più piccoli troveranno un vasto calendario di laboratori ludici e creativi e animazioni, mentre i grandi potranno partecipare agli oltre 200 tra incontri, spettacoli e presentazioni e dedicarsi allo shopping tra le centinaia di stand di aziende, associazioni e cooperative che presenteranno in fiera i loro prodotti, servizi e iniziative.

Informazioni utili

Dove: Fieramilanocity, Padiglioni 2 e 4, viale Scarampo Gate 8.

Come arrivare: metropolitana M1 fermata Lotto-fieramilanocity. Bus 78 da Piazzale Lotto in direzione Govone (scendere alla fermata Colleoni-fieramilanocity), o con il tram 27 (capolinea piazza Sei Febbraio), 1 e 33, con l’autobus 57 e 94 (fermata all’angolo tra Corso Sempione e via Domodossola) e 68 (fermata viale Berengario).

Quando: venerdì 28 – domenica 30 marzo. Venerdì 28 marzo: 9 – 21; sabato 29 marzo: 9 – 22; domenica 30 marzo: 10 – 20.

Biglietti: con catalogo come titolo di accesso alla fiera: 7 €. Con libro “Il Re della Schiscetta” di Terre di mezzo Editore – 10€  (l’acquisto del libro dà diritto all’ingresso in 2 giorni differenti alla fiera). Gratuito fino a 14 anni e l’accompagnatore per i disabili. sconto di 1 € agli abbonati a Terre di Mezzo magazine, soci coop, abbonati ATM

Informazioni: www.falacosagiusta.org



A cura di Federico Klausner  © LATITUDESLIFE.COM RIPRODUZIONE RISERVATA

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.