[FOTO] Dove studiare all’estero? Le migliori città universitarie al mondo


Il gruppo bancario HSBC ha effettuato uno studio sulle Università nel globo che offrono più opportunità: nel 2010 almeno 3.600.000 studenti hanno studiato al di fuori del Paese di appartenenza. Una percentuale che rispetto gli anni Ottanta e Novanta segnala il moltiplicarsi delle possibilità di viaggiare, fare esperienza in contesti diversi, ampliare il proprio raggio d’interesse costruendo la figura di professionisti capaci, anno dopo anno, di interagire da una parte all’altra del mondo.

Meta top gli Stati Uniti, con istituzioni storiche quali Harvard e il Mit. Qui la tecnologia avvolge l’atmosfera e la Silicon Valley si apre a programmi universitari internazionali e summer schools che accolgono studenti provenienti da Paesi diversi, pronti a relazionarsi fra una lezione e una festa in piscina, scambiando competenze, cultura, allacciando legami, elaborando il futuro.
Nella classifica The Times Higher Education World Reputation Rankings 2013 scoprirete un polo d’interesse sempre più direzionato verso l’Asia: Tokyo, al nono posto, oltre a Singapore, Hong Kong, Pechino e Seoul segnalano la crescita di nuove rotte, della cultura e delle nuove professioni.

Sfoglia la gallery e scopri i Paesi con le migliori città universitarie al mondo.

Maddalena De Bernardi © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.