Francia | Lungo l’acqua nella terra del vino



Informazioni utili

Come arrivare: In auto, da Milano per Aosta con A4 e A5. Dopo la galleria del Monte Bianco proseguire sulla A40/E25 e poi sulla A6/E15 verso Auxerre fino all’uscita 19 per Joigny, che si raggiunge dopo una ventina di km sulla N6/D319. Totale 712 km.  In treno, stazione di Laroche Migenes . Aereo, L’aeroporto più vicino è Parigi a 150 km.

Quando andare – Clima: Le barche navigano da fine marzo a fine ottobre. Il clima dipende dalla zona prescelta. A nord al di fuori dei mesi estivi è generalmente abbastanza freddo e umido. Per questo motivo il periodo più indicato è tra maggio e settembre. Nei mesi di bassa stagione si trovano offerte scontate.

Noleggiare una houseboat: Ci sono moltissime opzioni. Si può scegliere il periodo e il canale che si desidera navigare, tra 70 basi di partenza, a seconda dei propri interessi, poiché ciascuno vanta caratteristiche storiche, paesaggistiche ed enogastronomiche peculiari. È possibile effettuare una crociera con ritorno al punto di imbarco oppure solo andata su barche adatte a ospitare da 2 a 12 persone. Le houseboat sono di molte tipologie. Tutte hanno in genere un angolo cucina (attrezzato con frigo, fornelli, forno e tutti gli utensili necessari), un soggiorno con tavolo, sedie e divanetti e un numero di cabine variabile da 1 a 5 e un numero proporzionale di bagni con lavabo, w.c. e doccia. Sono fornite di riscaldamento, a gas o elettrico, e acqua corrente, calda e fredda. Alcuni modelli possiedono anche aria condizionata e stereo. Altri optional sono le biciclette sistemate sul ponte, che consentono di muoversi agilmente a terra. In caso di guasti l’assistenza è prevista  24H e 7/7. Gli animali sono in generale ammessi, a volte dietro supplemento. Solitamente le barche si noleggiano per 1 o 2 settimane. Sono tuttavia previsti soggiorni di 10/11 giorni o periodi più brevi. Vengono consegnate tra le 16  e le 17 e devono essere restituite entro le 9 di mattina  pulite, oppure pagare un supplemento per la pulizia. Sono escluse lenzuola e asciugamani, cui occorre provvedere personalmente.

Un operatore particolarmente specializzato è LOFT  STUDIOVIAGGI di Milano, sul cui sito troverete tutte le informazioni che desiderata.

Navigazione: La normale velocità di crociera è di circa 8/10 km/h e ci vogliono circa 20 minuti per passare ogni chiusa (attenzione al loro orario di apertura, che spesso prevede anche un intervallo all’ora di pranzo). Per coprire una distanza di circa 30/40 km al giorno, chiuse comprese, servono  4/5 ore.

Dove dormire: Ci si può fermare quando e dove si desidera, attraccando tanto in aperta campagna, con cime e picchetti,  quanto nei porti (a pagamento nelle più rinomate località turistiche). L’ancora si usa solo per emergenze.

Documenti: Per la Francia è sufficiente la carta di identità. Per condurre una barca inferiore a 13 m di lunghezza non occorre la patente nautica. Non è richiesta neppure esperienza: in un’oretta di “scuola guida” prima di salpare vi verrà spiegato quanto serve. Tutte le houseboat sono  assicurate. In caso di danni si risponde solo della cauzione-franchigia versata obbligatoriamente prima della partenza (portare la carta di credito altrimenti occorrerà lasciare contante).

Dove mangiare: I paesi  che si attraversano, spesso fuori dagli itinerari turistici più battuti, offrono ristorantini deliziosi e a buon prezzo, nei cui menu brillano i prodotti del terroir. Una soluzione più economica è acquistare i prodotti freschi e cucinare in barca, anche se ovviamente non si possono organizzare elaborati banchetti.

Lingua: francese.

Valuta: euro.

Elettricità: 12 o 24 V se necessario munirsi di un inverter adatto alla potenza necessaria. Nei porti ci sono le colonnine a  220 V, 50 Hz.

Telefono: per telefonare in Francia, comporre il prefisso internazionale 0033 seguito dal numero dell’utente. Per l’Italia, dalla Francia, 0039. Ottima la copertura per i cellullari.

Abbigliamento: comodo e caldo, a prova di umidità e pioggia, per i mesi primaverili al nord. D’estate al sud tende a far caldo, quindi pantaloni leggeri, magliette e costumi da bagno, cappello e occhiali da sole. In tarda primavera occorre proteggersi dalle zanzare. Essenziale utilizzare esclusivamente borse flosce, più facili da stivare di quelle rigide, e di dimensioni non eccessive. Più facile sistemare due borse di dimensioni modeste che una grande.

Shopping: in ogni paese troverete un supermercato in cui comprare ciò che serve. Inutile riempire una borsa a casa. Tenete presente che sulla barca gli spazi sono limitati. Da acquistare le eccellenze della gastronomia francese: vini, fois gras, terrine, formaggi (immediatamente prima del ritorno da tenere in una borsa termica).

Suggerimenti: scegliere una barca con 1 o 2 posti in più del necessario per poter stare i più comodi possibile.

Link utili: Ente del turismo di Joigny; Ente del Turismo Francese

Sfoglia il magazineRitorna all’articolo

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.