A Bibione la prima spiaggia no smoking d’Italia

“Respira il mare” è il claim del primo progetto italiano per una spiaggia no smoking. Accade a Bibione, seconda spiaggia d’Italia per numero di turisti, dove a partire dall’imminente stagione estiva non sarà possibile fumare lungo tutto l’arenile.

La scelta di mettere in atto il divieto è stata ispirata dal fatto che proprio lungo quella lingua di sabbia si concentra il maggior numero di turisti che, fin dalle prime ore del giorno, amano dedicarsi a lunghe passeggiate e di bambini che giocano sulla battigia. Inoltre, Bibione è da sempre conosciuta come una meta per famiglie, appassionati di sport e benessere, quindi l’iniziativa è venuta naturale.

Già nel 2011 la città aveva avviato una campagna di sensibilizzazione a favore della spiaggia libera dal fumo e, mentre tramite cartelli i bagnanti venivano invitati a non fumare, sono stati distribuiti questionari in più lingue per capire il livello di apprezzamento dell’iniziativa. Sorprendentemente il 92% degli intervistati si dichiarò favorevole alla proposta.

Oltre alla segnaletica indicante il divieto e l’invito a spegnere la sigaretta lungo la spiaggia, verranno posizionati dei contenitori per buttare i mozziconi realizzati in materiale trasparente per far meglio comprendere ai turisti l’entità del materiale inquinante che verrà sottratto all’ambiente.

Voi siete favorevoli o contrari?

A cura di Federica Giuliani | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.