Salisburgo inaugura il DomQuartier: un percorso barocco

Salisburgo, città austriaca dal fascino indiscusso, inaugura il 17 maggio 2014 il DomQuartier: un itinerario museale che racconta l’aspetto più autentico della città barocca.

Il connubio tra arte, cultura e architettura affascina da sempre i visitatori che si inoltrano per le strade del centro storico, già Patrimonio UNESCO. La sua fama è dovuta alla bellezza delle piazze, dei giardini e dei palazzi, che riflettono ancora oggi i fasti del passato. Salisburgo è famosa per essere la patria di Mozart ed è legata indissolubilmente alla musica e alla cultura. Ogni anno, infatti, organizza 4000 eventi oltre alla possibilità di vistare 70 luoghi d’arte, tra gallerie e musei.

Si aggiunge, quindi, a tanta bellezza il DomQuartier, che si presenta come un percorso circolare a partire dalla scenografica Residenza di Salisburgo – con i suoi sontuosi 15 saloni di Gala – per proseguire verso il Duomo, la Terrazza degli Archi e la Camera dell’Arte. La passeggiata si conclude al museo di San Pietro, per vedere la collezione privata di opere d’arte del Monastero dei Benedettini, e alla Chiesa dei Francescani, una delle chiese più antiche di Salisburgo.

Per godere di questo itinerario storico è necessario l’acquisto di un biglietto al costo di 12 euro, per gli adulti, di 5 euro per i bambini e 27 euro per le famiglie.

Dopo la culura, però, ci si può dedicare qualche ora allo shopping e riposare in uno dei rinomati caffè cittadini come il Tamaselli, considerato il più antico caffè viennese d’Austria, o il Caffè Bazar, da sempre punto di incontro tra artisti e personalità di spicco. Altro patrimonio gastronomico di Salisburgo è la birra; tra le tante birrerie spiccano la Stiegl, la più grande del Paese, e la Brauhaus Gusswerk, l’unica al mondo a produrre birra biologica.

Info: Salisburghese

A cura di Federica Giuliani | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.