10 cose da fare in Oman, tra deserto e mare

Ecco dei suggerimenti per un viaggio in Oman, tra valli e canyon inesplorati, laghi, dune e deserti. Un viaggio alla scoperta della cultura araba, dei fondali marini e della natura. Ecco come scoprire il Sikkim in dieci mosse.

1)  L’Oman è pieno di wadi, termine arabo che significa valli. Esplorate Wadi Shab, a poche ore di macchina da Muscat. Troverete palme e piscine d’acqua verde smeraldo in cui nuotare.

2) Scendete gli scalini di pietra che vi portano a Tiwi Hole, dove potrete rilassarvi in un lago naturale di acqua calda in mezzo alla roccia.

3) Sentitevi come Indiana Jones e lanciatevi con imbragatura e caschi già dalle rapide delle gole di Snake Gorge. L’adrenalina è assicurata!

4) Calatevi con una corda già dalla grotta di Majalis Al Jin, una delle più grandi cavità naturali al mondo dove la luce filtra in profondità attraverso raggi dorati.

5) Durante un viaggio in Oman un must è il trekking nella valle di Jebal Akhdar, uno dei posti più elevati dell’Arabia meridionale.

6) A sole poche ore da Muscat troverete il deserto di Wahiba, uno spettacolo mozzafiato fatto di altissime dune dorate. Provate il sand boarding!

7) L’Oman possiede uno dei fondali marini più belli e interessanti. Immergetevi nelle sue acque cristalline alla scoperta di pesci colorati e tartarughe marina.

8 ) Visitate la Grande Moschea di Muscat. Costruita in oro, cristallo e marmo italiano è illuminata da candelabri da dieci tonnellate e decorata da meravigliosi tappeti tessuti artigianalmente.

9) Perdetevi nel labirinto di stanze e corridoi del Forte di Rustaq, un gioiello dell’architettura locale.

10) Assaggiate la cucina omanita, carne e riso con zafferano e una buona tazza di caffè al cardamomo.

A cura di Elena Brunello | Foto di Federico Klausner RIPRODUZIONE RISERVATA © LATITUDESLIFE.COM

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.