Bitto sua maestà, viaggio in Valgerola

Incastonata come uno smeraldo nel Parco delle Alpi Orobie Valtellinesi, la Val Gerola è un paesaggio da cartolina con la sua natura incontaminata, i suoi boschi e gli animali rari che la abitano. Sovrano di questo paesaggio è il bitto.

Il territorio si estende su una superficie di circa 44.000 ettari, in un susseguirsi di quattordici valli poco conosciute al turismo di massa, le cui montagne custodiscono i segreti di una natura ancora tutta da scoprire. I motivi quindi per compiere un’escursione in Valgerola sono molteplici. In quest’ambiente severo e affascinante è  facile incontrare gli animali selvatici come il gallo cedrone, simbolo del Parco Regionale delle Orobie Valtellinesi.

Ma c’è molto di più. Camminando per queste valli, percorrendo i pascoli e attraversando i valichi, ci si imbatte nei segni dell’uomo e si percepisce il forte attaccamento dei “Giaroi” alle tradizioni e alle origini. Per questo a Gerola Alta  fin dal 2008 è stato aperto l’Ecomuseo che rappresenta un elemento di unione fra passato e futuro, di identità e sviluppo sociale, per riscoprire e valorizzare la storia, le tradizioni e la cultura locali.

Inoltre a Gerola Alta passeggiando tra le viuzze del centro storico ci si imbatte nella Casa del Tempo, una suggestiva esposizione permanente che permette di ripercorrere la storia naturale e umana della Valgerola, dalle origini della Terra fino ai giorni nostri, in un emozionante susseguirsi di eventi geologici, di comparse ed estinzioni di piante e animali, nonché di avvenimenti che hanno caratterizzato la vita delle genti della valle.

In questo percorso di riscoperta delle origini e tradizioni fiore all’occhiello è il Bitto, formaggio d’alpe grasso a pasta semicotta, di media durezza e media stagionatura che prende il nome dal torrente Bitto che confluisce nell’Adda all’altezza di Morbegno. ll Bitto ha origini remote nel tempo e radicate nel comprensorio alpino delle Valli del Bitto di Albaredo e Gerola, nel cuore del Parco delle Orobie Valtellinesi.

Un prodotto di tale qualità e bontà che ha avuto il sigillo del marchio DOP  (Denominazione di Origine Protetta) dall’Unione Europea ed è  uno dei simboli  più significativi e rappresentativi della produzione casearia lombarda. Attualmente il Bitto “Valli del Bitto” è l’unico formaggio al mondo che dura oltre i dieci anni. Da queste parti  non si può non assaggiare il Bitto, che fra l’altro accompagna tutti i piatti più gustosi e saporiti, ma neppure si può dimenticare la maschèrpa (ricotta grassa), un prodotto che nel mondo delle “ricotte” è altrettanto caratteristico e pregiato quanto il Bitto.

E in questo regno dei formaggi non poteva mancare una casa-museo dedicata a questo prodotto così importante per la Valtellina: così in un’area dismessa ex Enel è stato realizzato il “Centro del Bitto”, un edificio che è il punto di riferimento per la promozione dell’intera Valle. Al piano terra c’è una casera, presidio slow food,  di stagionatura del formaggio Bitto e degli altri formaggi locali, mentre al primo piano si trovano lo spaccio e una caratteristica sala degustazione dove poter fare un aperitivo in compagnia. Una location che nessun turista deve lasciarsi sfuggire.

La Valgerola, come tutta la Valtellina, è ricca di prelibatezze, dal Bitto ai funghi al miele di Gerola. Da questi ingredienti genuini e saporiti non può che derivarne una gustosa cucina tipica che i ristoranti locali rivisitano in chiave a volte raffinata, a volte rustica con ricette che sanno accontentare i palati più esigenti, come le “costine di agnello cotte nel fieno di Gerola” o le “crespelle saracene al Bitto storico con porcini di Gerola” , il tutto doverosamente accompagnato da vini  quali il Rosso di Valtellina, il Grumello o l’Inferno delle migliori cantine locali. Per terminare non fatevi mancare una degustazione di pregiate grappe o del famoso digestivo locale: liquore dolce e aromatico ricavato dall’infusione dei fiori di artemisia glacialis, alias genepy.

Testo e foto di Lucio Rossi | RIPRODUZIONE RISERVATA © LATITUDESLIFE.COM

Sfoglia il magazine –  Vai alle info utili

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.